Archivio per Date
Tutte le date
Nuovo Impulso Freddo Su Est Europa E Balcani, Quali Conseguenze Per L'Italia? Inviato il  Sab 28 Mar, 2020 11:38 Da Fili
Meteo News
Apro questo topic per discutere qui del breve-medio termine, lasciando l'altro per analisi più generali sull'andamento della stagione primaverile.

La spinta dell'Alta Pressione delle Azzorre verso l Regno Unito e l'Islanda favorirà, nelle prossime 48 ore, la discesa di un'importante massa di aria artica sulla Scandinavia e sull'Europa centro-orientale

ecm1_48_1585391183_949339

fase fredda di tutto rispetto quindi per queste nazioni, con intense nevicate attese sui versanti alpini settentrionali soggetti a stau.

Dalla massa artica si staccherà una goccia fredda diretta sulla Francia, che, di richiamo, sospingerà umide correnti sud-occidentali sull'Italia. Sarà l'occasione per qualche precipitazione sui versanti tirrenici dell'Italia centro-meridionale

gfs_0_60_1585391514_538748 ...


Leggi tutto 

Commenta questa notizia Stampa l'argomento Segnala via email l'argomento
Questa notizia ha  5720 Visualizzazioni e 125 Commenti
Nucleo Artico In Rotta Verso L'Italia: Analisi E Dettagli Previsionali Inviato il  Sab 21 Mar, 2020 11:01 Da Fili
Meteo News
Cerchiamo di entrare nel dettaglio previsionale delle prossime 96 ore, per quanto possibile, grazie ai modelli che stamani sono tutti concordi nel vedere la traiettoria del nucleo artico in discesa dalla Nuova Zemljia, veicolato con moto retrogrado dall'ampia area anticiclonica formatasi sulla Scandinavia nei giorni precedenti. Che sia aria artica e non continentale ce lo dimostra la natura dello stesso: aria molto fredda in quota (fino a -38° a 500hPa sui Balcani), solo relativamente fredda alle medie quote (non sotto i -10° a 850hPa, sempre sui Balcani).

Chiaramente, trovandoci a fine Marzo, le potenzialità dell'evento stesso sono ovviamente ridotte rispetto al cuore della stagione invernale, ma vediamo di capire cosa potrebbe succedere. L'analisi è rivolta all'Umbria ed alle regioni vicine.

SABATO 21 MARZO: giornata inizialmente serena e molto mite, con massime ancora diffusamente prossime o di poco superiori ai 20 gradi un po' ovunque. Velature e nubi alte in arrivo da sud, durante il pomeriggio, a causa della risalita di un minimo depressionario dalla Tunisia. Non esclusa qualche sporadica goccia di pioggia.

DOMENICA 22 MARZO: tempo ancora "tranquillo" al mattino, con nubi sparse e temperature ancora sopra la media del periodo. Dal pomeriggio iniziano ad intensificare i venti da nord-est, ad iniziare dai settori Adriatici, per poi estendersi a tutte le restanti zone. L'aria si "ripulisce" da velature e foschie, crolla l'umidità sottovento alla dorsale, iniziano ad addensarsi nubi in banchi sull'Appennino. E' la cosiddetta "fase 1". Le prime precipitazioni sottoforma di neve si potranno avere, in Appennino, dalla notte su lunedì, con QN in rapido calo fino alla bassa collina.

LUNEDI' 23 MARZO: in questa fase saranno quasi impossibili sfondamenti consistenti dello stau sui versanti occidentali, al massimo qualche episodio di nevischio intermittente sulle zone più esposte. Nevicate più consistenti si avranno chiaramente sulla fascia compresa tra Gubbio e Nocera Umbra, notoriamente esposta alle correnti da nord-est. Precipitazioni più intense e continue sui versanti Adriatici: Romagna, Marche, Abruzzo, Molise saranno interessate da precipitazioni diffuse a tratti anche insistenti, con neve oltre 4/500 metri. E' il momento più freddo dell'irruzione, con termiche fino a -9° sulla Dorsale ad 850hPa. Fase di stau puro, senza contributo instabile in quota.

gfs_0_54_1584783073_295228

MARTEDI' 24 MARZO: condizioni simili al giorno precedente per le prime 12/15 ore della giornata. Dal pomeriggio inizia a manifestarsi il contributo perturbato in quota (fase 2), con il nucleo di aria molto fredda (-36°) ed instabile a 500hPa che fa il suo ingresso sull'Adriatico centrale e settentrionale. Nuclei temporaleschi (ASE) potranno formarsi con frequenza ed interessare le zone costiere romagnole, marchigiane, abruzzesi con episodi di neve tonda/nevischio/pioggia mista, mentre lo stau prenderebbe vigore supportato dalla vorticità in quota. Primi sfondamenti più consistenti posso ipotizzarli dal pomeriggio di martedì, via via più intensi durante la sera e notte su mercoledì. Bufere in Appennino a tutte le quote, e primi accumuli consistenti dalla collina, chiaramente più esposti i versanti adriatici, dove non si esclude qualche fiocco in prossimi delle coste.

gfs_0_84_1584783570_105922

MERCOLEDI' 25 MARZO: prime 8/12 ore con il "clou" dell'irruzione fredda: il nucleo artico retrogrado ha oramai sfondato sul centro Italia: lo stau avrebbe probabile vigore per interessare la pedemontana umbra con lievi accumuli, con un po' di fortuna anche di qualche centimetro: in questa fase favorite tutte le zone ad est del Tevere (Castello - Umbertide - Assisi - Foligno - Spoleto), ma non si escludono spolverate anche a Perugia, Todi, zona del Pievese/Orvietano. Qualche fiocco possibile anche a Terni. Le temperature (-5/-6 a 850, -33 a 500) saranno sufficienti a far nevicare a tutte le quote. Chiaramente laddove la precipitazione dovesse essere più continua, si avranno gli accumuli migliori. Nevicate a quote molto basse lungo tutto il versante adriatico, da Rimini al Gargano. Imbiancate San Marino, Urbino, Cagli, Fabriano, Camerino/Tolentino, Ascoli, Teramo e via via a scendere. Appennino sotto bufera.

gfs_0_120_2

Nel frattempo una depressione dal Marocco si muove rapidamente verso la Tunisia e la Sicilia: andrà ad agganciare il nucleo freddo presente sull'Italia centrale, facendo "perno" e richiamando correnti intense da est-sud-est sull'Italia (fase 3). Dal pomeriggio di mercoledì assisteremo ad una probabile intensificazione dei fenomeni su tutta la fascia adriatica ma con temperature in graduale rialzo, anche se localmente la neve potrebbe continuare a cadere a quote molto basse. Si entra in un range previsionale ancora un po' incerto. Ottima occasione comunque per precipitazioni estese ed abbondanti su tutto il versante Adriatico e la fascia Appenninica centro-meridionale. Precipitazioni più deboli possibili anche sul versante tirrenico.

GIOVEDI' 26 MARZO: continua l'afflusso di correnti tese da est-sudest sull'Italia, con precipitazioni ancora insistenti sui versanti esposti. Accumuli che sulle Adriatiche potrebbero essere anche ingenti, con ottimi apporti nevosi per l'Appennino oltre i 1000 metri. QN in graduale rialzo, ma mai oltre appunto i 1000 metri.

gfs_0_132_1584784768_402381

VENERDI' 27 MARZO: si va esaurendo l'azione del vortice ciclonico presente sul Sud Italia. Precipitazioni in graduale calo e ampie aperture. Temperature che rientrano nella media del periodo.

Non ho citato le gelate, perchè non penso ve ne saranno - intese come quelle potenzialmente dannose per l'agricoltura - saranno infatti sempre presenti o ventilazione o nuvolosità, e quando i cieli si apriranno le temperature saranno oramai nella media del periodo. Ottima notizia quindi.

Questo è quanto (secondo il mio modesto parere) per ora, seguiamo gli aggiornamenti, e vediamo come evolverà la situazione.


 

Commenta questa notizia Stampa l'argomento Segnala via email l'argomento
Questa notizia ha  21759 Visualizzazioni e 365 Commenti
Terza Decade Di Marzo Con Lo SCAND+? Inviato il  Gio 12 Mar, 2020 19:13 Da Fili
Meteo News
Molte corse del modello americano GFS ipotizzano, con vari sviluppi, l'eventualità di un blocco alla zonalità e la formazione di un'area alto-pressoria piuttosto ben radicata sul comparto settentrionale europeo.

Tutto questo a partire dal 20 marzo circa, in cui si potrebbe avere un primo afflusso freddo da nordest sull'Italia

gfs_0_192_1584036637_173653

A seguire, ma qui si entra davvero nel fantameteo, si ipotizza la formazione di uno SCAND+ ed il conseguente isolamento di un nucleo di aria molto fredda sull'Europa orientale, pronto a mettersi in moto in maniera retrograda verso Ovest

gfs_0_276_1584036706_221044

Solo ipotesi per ora, ma la sensazione è che la terza decade mensile possa riservare un cambio di patte ...


Leggi tutto 

Commenta questa notizia Stampa l'argomento Segnala via email l'argomento
Questa notizia ha  20103 Visualizzazioni e 498 Commenti
La primavera meteo inizia con l'ombrello: perturbazioni del 2/12 Marzo Inviato il  Lun 02 Mar, 2020 22:35 Da burjan
Meteo News
Abbiamo tutti atteso fino all'ultimo, quasi oltre l'evento, il concretizzarsi di una speranza di pioggia. Lo abbiamo atteso fino a stasera, ma adesso che gran parte (almeno) dell'Italia centrale e settentrionale tirrenica ha posto riparo alla siccità (se non al deficit pluviometrico), possiamo guardare al futuro con maggiore interesse, se non con serenità.

In questo topic piazzeremo mappe e previsioni a breve-medio termine su questa positiva fase perturbata.

Diciamolo subito: quella che riceveremo sarà la più classica aria polare marittima che si possa immaginare. Non abbiamo retrogressioni orientali o brutali erezioni azzorriane, come pure sarebbe ancora ben possibile per il periodo; neanche rodanate, ancor più consone al momento (forse qualche speranza per il 12 resta aperta, da questo punto di vista).

In sostanza, come già ...


Leggi tutto 

Commenta questa notizia Stampa l'argomento Segnala via email l'argomento
Questa notizia ha  4075 Visualizzazioni e 60 Commenti
La Primavera Ai Tempi Dell'ao+ Inviato il  Gio 27 Feb, 2020 20:00 Da il fosso
Meteo News
Va concludendosi un inverno che a memoria d'uomo, per l'Eurasia in particolar modo, verrà considerato tra i più miti e meno dinamici di sempre; probabilmente il peggiore in assoluto per il Centro-Sud Italia.
Inverno fortemente condizionato da un potente approfondimento del VP avvenuto a inizio Gennaio che ha drasticamente ridotto l'attività d'onda, in particolare sul comparto Euro-Atlantico, data la registrata netta propensione delle masse artiche più profonde a stazionare tra artico canadese e Atlantico polare.

Come se non bastasse abbiamo dovuto registrare un raffreddamento stratosferico forte ma non molto incisivo intorno a metà Gennaio; record nel corso della prima decade di Febbraio che, entrato in sincro con le già potenti vorticità troposferiche ha donato nuova compattezza e potentissima accelerazione a tutta la colonna del ...


Leggi tutto 

Commenta questa notizia Stampa l'argomento Segnala via email l'argomento
Questa notizia ha  20640 Visualizzazioni e 419 Commenti
Vai a 1, 2, 3 ... 125, 126, 127  Successivo