Benvenuto su Linea Meteo

Il portale in cui potrai trovare previsioni del tempo sempre aggiornate in collaborazione con Centrometeo, modelli meteorologici personalizzati, una delle più vaste reti meteo nazionali, webcam, e un apprezzatissimo forum per discutere di meteorologia e di clima, oltre ad argomenti di attualità.
Ti ricordiamo che per usufruire di tutte le features presenti in questo sito devi registrarti. Puoi farlo cliccando QUI

Nascondi Menù
  Main Links
  Realtime&Previsioni
  Modelli Meteo
  Risorse Meteo
  News e Articoli
  Info
  Utilità
  Utenti & Gruppi
  Giochi
  RSS
Utente



Utente:

Password:




Ho dimenticato la password

Non ti sei ancora registrato?
Cosa aspetti? Iscriviti, è gratis!


Donazioni

Se vuoi aiutarci a far crescere la nostra Associazione, puoi contribuire con una donazione



Partners

Centrometeo

Meteoappennino

Meteosicilia

MeteoAQuilano

MeteoInMolise

Meteo Lazio

Bitline

Eurowebcamsite

Trovaci su Facebook


RegistratiForumPrevisioniSpaghetti GFSStazioni Meteo
Dati Meteo In Diretta Dalla Nostra Rete
Cerca su Linea Meteo
Google  
Web  Linea Meteo 
Ultime discussioni dal forum
 • Oggi alle 02:11 »  Ottobre ci porterà finalmente in Autunno? »  Olimeteo

 • Ieri alle 23:52 »  Ecowitt, chi e' costei? »  Cavaliere

 • Ieri alle 22:47 »  20 Ottobre 2019: Osservazioni Meteo »  Micky93

 • Ieri alle 13:43 »  Monitoraggio Indici e Analisi Teleconnessioni 2019-2020 »  GiagiMeteo

 • Ieri alle 09:27 »  Stagionali NOAA: poche precipitazioni sul Mediterraneo occidentale nei prossimi mesi? »  Adriatic92

 • Ieri alle 09:14 »  Banca dati sul cambiamento climatico »  burjan

 • Sab 19 Oct, 2019 21:30 »  19 Ottobre 2019: Osservazioni Meteo »  Micky93

 • Sab 19 Oct, 2019 09:07 »  A Proposito Di Medie Termiche... »  burjan

 • Sab 19 Oct, 2019 08:39 »  Global Warming »  burjan

 • Ven 18 Oct, 2019 22:19 »  18 Ottobre 2019 - Osservazioni meteo »  Gab78

L'inizio Di Maggio E Il Final Warming, Un Fiume Artico Punta L'europa. Inviato il  Lun 29 Apr, 2019 20:40 Da il fosso
Meteo News
L'Italia è attualmente interessata da un nucleo freddo di origine nord atlantica, che ha e sta riportando condizioni di instabilità a tratti perturbata, su buona parte del territorio. Fase che ha portato piuttosto inusuali, visto il periodo, abbondanti nevicate fino a bassa quota sulle alpi orientali, a quote generalmente medie sull'Appennino centro-settentrionale, e fenomenologia localmente anche molto intensa.
Tutto sommato nulla di così anomalo, ma questa fase perturbata sembra precederne una ben più intensa e fredda.

L'analisi sinottica a livello emisferico vede il VP cedere di schianto all'avanzare della stagione, con il così detto final warming che ogni primavera, più o meno in questo periodo, determina l'insediarsi vaste aree anticicloniche a latitudini polari. Tutto ciò viene causato dalla radiazione solare diurna, che tende a prevalere sulle notti artiche e a riscaldare le terre settentrionali. Così le grandi masse fredde e vorticose formatesi nel corso dell'inverno, perdono estensione e profondità e vengono letteralmente scalzate via da notevoli, e in alcuni casi violenti, scambi di calore con le medie latitudini, grazie alle pressioni calde tropicali che diventano gradualmente dominanti durante il semestre caldo, nel generale equilibrio termo-dinamico emisferico.

Per i motivi sopra descritti, una vasta cellula anticiclonica va insediandosi alle latitudini polari, e si estenderà dall'Alaska alla Groenlandia e a buona parte del Mar Glaciale Artico. Sul suo bordo orientale comincerà a scorrere aria gelida con moto retrogrado derivante dall'altrettanto vasta massa d'aria fredda estesa lungo tutta la regione siberiana fino al mare di Barents. Già domani i flussi gelidi cominceranno ad invadere la penisola scandinava.
ecmopnh12_24_1

ecmopnh12_48_1


Giovedì tutta la penisola scandinava sarà coinvolta da un ampio nocciolo gelido con fulcro sul mar Baltico, mentre la suddetta estesa cellula anticiclonica tenderà ad entrare in fase con l'anticiclone delle Azzorre, donando ulteriore spinta meridiana alla massa artica.

ecmopnh12_96_1

Nel corso del fine settimana gran parte d'Europa dovrà fare i conti con il flusso artico, particolarmente sull'Europa centrale e le isole britanniche, con condizioni pienamente invernali che porteranno forti e freddi venti settentrionali, e il ritorno della neve fino alle pianure e nelle aree costiere esposte a Nord.

ecmopeu12_120_1

ecmopeu12_120_2

Flusso artico che sembra farà il suo ingresso anche nel Mediterraneo, più probabilmente prima dalla porta del Rodano, preceduto da un cavo d'onda nord-atlantico e poi da quella della bora. Gli effetti saranno da valutare nei prossimi giorni, ma è lecito attendersi un netto peggioramento del tempo su gran parte d'Italia a partire da Sabato, con condizioni di maltempo piuttosto diffuso, più probabilmente sulle regioni centro-meridionali, e a carattere invernale da Domenica, specie nelle zone che saranno più direttamente esposte al flusso artico in ingresso.

ecmopeu12_144_1

ecmopit12_144_2





 

Commenta questa notizia Stampa l'argomento Segnala via email l'argomento
Questa notizia ha  13871 Visualizzazioni e 268 Commenti
Vai a 1, 2, 3 ... 16, 17, 18  Successivo
Situazione e previsioni

Rete Meteo Nazionale
Rete Meteo Nazionale
Webcam in Diretta
Situazione Termica

Spaghetti Roma

Temperature attuali Europa

Anomalie termiche di domani
Anomalie termiche a 5 gg
Anomalie termiche a 10 gg

Risparmia con Sorgenia