Centrometeo               
Statistiche
Più popolari • Articoli più valutati • Ultimi articoli
Cerca • Versione stampabile  Clicca su una Categoria per aggiungere un Articolo
Guida alla lettura degli Spaghetti Ensemble
Autore: andrea75
Data: Gio 05 Gen, 2017 14:32
Categoria: Articoli di meteorologia
Tipo:
Valutazioni 6.75/10, 4 voto(i): [Valuta articolo]
Titolo Articolo: Guida alla lettura degli Spaghetti Ensemble
Descrizione: Come interpretare una delle carte più utilizzate nei siti e forum meteo
Contenuti:



3 - PARAMETRI DI LETTURA E METODI DI UTILIZZO
PARAMETRI DI LETTURA E METODI DI UTILIZZO

Per praticità prenderemo in esame il modello degli spaghetti diffuso anche dal nostro sito, che riporta, a differenza degli altri, molti più parametri, che sono:

  • Temperatura a 500 hPa
  • Temperatura ad 850 hPa
  • Precipitazioni
  • Pressione atmosferica
  • Indice ThetaE
  • Indice CAPE


Ma andiamo per gradi. Per visualizzare gli spaghi ci porteremo a questo indirizzo:
http://www.lineameteo.it/spaghi.php

Dopodichè sceglieremo la nostra città tra quelle già proposte, oppure inseriremo le nostre coordinate geogrfiche in formato decimale (es. 43.08, 12.43) negli appositi campi. Se non le conosciamo e la nostra località non è inserita tra quelle proposte, c'è un altro metodo: tramite la funzione mappa, punteremo ad una qualsiasi località presente nel comparto europeo e cliccandoci con il tasto sinistro del mouse ne estrapoleremo le relative coordinate, che in automatico verranno inserite nei campi.
A questo cliccando INVIA, ci troveremo davanti un grafico di questo tipo:

graphe_ens3

In questa prima visualizzazione vengono presi in esame (partendo dall'alto verso il basso) i parametri delle temperature ad 850 hPa, quelli delle temperature a 500 hPa ed infine quelli delle precipitazioni. Gli spaghetti si leggono come un asse cartesiano. Sulla sinistra si trovano i valori termici da -45 a +30, sulla destra i mm previsti, da 0 a 75. In basso, invece, si trovano i vari giorni, che coprono all'incirca lo spazio di 2 settimane.
Soffermarsi sulla spiegazione di questi parametri mi sembra superfluo, ma volendo, nella nostra Guida ai Modelli vi sono degli approfondimenti anche a tal proposito.
Piuttosto proseguiamo ed andiamo a vedere come visualizzare gli altri parametri:

cattura_1196965341_947883

Come è possibile vedere dalla carta qui sopra, attraverso i link contrassegnati dai rettangoli colorati e dalle frecce, è possibile spostarsi tra i vari parametri elencati più in alto e descritti nei box, mentre cliccando sui vari link all'interno dell'ellisse colorata di rosso ci si può muovere tra i vari RUN. A tal proposito ricordiamo che i vari run corrispondono agli orari di emissione dei modelli (00, 06, 12 e 18) e che vengono poi rappresentati dagli spaghetti ai seguenti orari UTC:

  • 00z (06:00 UTC)
  • 06z (12:00 UTC)
  • 12z (18:00 UTC)
  • 18z (00:00 UTC)


All'orario UTC occorre aggiungere (per l'Italia) 1 ora durante l'orario solare, e 2 ore durante l'orario legale.
Occorre precisare che accedendo alla nostra pagina degli spaghi, verrà sempre mostrato l'ultimo run disponibile, e l'aggiornamento verrà fatti in automatico, in base all'orario corrente.

La legenda dei vari spaghi, e dei relativi colori, è riportata in basso alla carta, e come illustravamo all'inizio riporta sia i 20 cluster relativi ai run "petrurbati", sia i 3 cluster relativi al RUN DI CONTROLLO (blu), al RUN GFS UFFICIALE (NERO) e alla MEDIA (rosso).
Se si desidera visualizzare il diagramma solo per le prime 180 ore (e non le 360 della visualizzazione classica), occorrerà cliccare su "Passer à 0-180h".

Nota: se si desidera visualizzare ognuno dei vari run, è possibile visualizzarli sul sito di Meteociel, a questo indirizzo:
http://www.meteociel.fr/modeles/gef...0&code=0&mode=2
e cliccando sui numeri che corrispondono ai colori nella carta degli spaghi.


CONCLUSIONI

Spesso gli spaghi sono molto utili per elaborare previsioni a medio-lungo termine, in quanto smussano gli estremi del modello. Ma attenzione perchè in taluni casi sono invece fuorvianti: se infatti gli spaghetti mostrano due opposti fasci di linee, quindi due opposte evoluzioni, si rischia di prevedere solo una situazione che media le due, quindi sicuramente sbagliata. In questi casi meglio rivolgersi alla propria esperienza e seguire la strada che si ritiene più probabile: se per esempio la simulazione delle temperature conduce a valori con differenze tra gli estremi di ben 10 gradi utilizzando ENS si rischia di dire che le temperature rimarranno pressochè invariate. Cosa che difficilmente accadrà: si potrebbe verificare un deciso aumento, oppure un deciso calo, a seconda di quale fattore dominante si verificherà. La regola di base che vi invitiamo ad utilizzare è la seguente: in caso di spaghetti ravvicinati utilizzate gli ENS, perchè danno una resa ottimale. Nel caso opposto meglio affidarsi al run principale del modello oppure alla propria esperienza.
Vai a , , 3
  
Valutazioni 6.75/10, 4 voto(i): [Valuta articolo]
Navigazione Veloce KB 

Non Puoi inserire nuovi articoli in questa categoria
Non Puoi modificare gli articoli in questa categoria
Non Puoi eliminare gli articoli in questa categoria
Non Puoi commentare gli articoli in questa categoria
Puoi votare gli articoli in questa categoria
Gli Articoli devono essere approvati in questa categoria
Gli Articoli Modificati devono essere approvati in questa categoria

Powered by Knowledge Base MOD, wGEric & Haplo © 2002-2005
PHPBB.com MOD