Pagina 1 di 1
 
 

Messaggio Nuove Tragedie In Montagna

#1  and1966 Lun 19 Gen, 2009 10:41

Buongiorno

Leggo di due sciagure, ironia della sorte (ma mica tanto, a pensarci fino in fondo.....), quasi contemporanee sulle due montagne simbolo dell' Italia, il M. Bianco ed il Gran Sasso.

Ma davvero anche qui non e' possibile fare nulla? Ho sentito in molti servizi post-evento di altre occasioni, saggi consigli dispensati da guide locali: quando GL si dara' retta ????   
 



 
avatar
blank.gif and1966 Sesso: Uomo
Moderatore
Moderatore
 
Utente #: 364
Registrato: 02 Feb 2008

Età: 53
Messaggi: 9936

Preferenza Meteo: Freddofilo

Stazione Meteo: Nessuna

Località: Mariano C. (CO) - 260 slm / Sigirino - Canton Ticino (SVI) - 400 slm

  • Torna in cima Vai a fondo pagina
 


Messaggio Re: Nuove Tragedie In Montagna

#2  mausnow Lun 19 Gen, 2009 12:00

Mah, io so solo che ogni evento è una storia a sè, ci sono mille fattori che possono intervenire in certe situazioni, favorevoli o sfavorevoli...
E' successo pure che proprio qualche cosiddetto "saggio" sia stato coinvolto in circostanze simili e che ci abbia pure   lasciato le penne.
Rimango dell'idea che non si può impedire a nessuno di andare in montagna, anche se le condizioni meteo o nivologiche siano sfavorevoli, l'importante è che ognuno ci vada con la coscienza che spesso e volentieri non è che avere il cellulare in tasca o contare sull'ausilio dei soccorsi può sempre salvarti la vita... Così come non è troppo giusto che qualcuno debba rischiare a sua volta per venirti a salvare a te,  anche se lo fa per professione...
La circostanza del Gran Sasso non mi è ancora chiara, poiché non mi pare di ricordare che la Sella dell'Aquila sia un posto troppo impervio... Però, certo che se, complice il nebbione, smarrisci il percorso poi è facile da quelle parti trovarsi su bordo di un dirupo... e con la neve poi... ancora peggio!  
Insomma, l'importante è che non si caschi nel rischio o nella tentazione di generalizzare... per il rispetto di chi ha avuto la peggio...
 



 
avatar
italia.png mausnow Sesso: Uomo
Maurizio
Veterano
Veterano
 
Utente #: 27
Registrato: 18 Apr 2005

Età: 55
Messaggi: 2488

Preferenza Meteo: Indifferente


Località: Olmo Costa d'Argento/Corciano/Fontivegge

  • Torna in cima Vai a fondo pagina
 

Messaggio Re: Nuove Tragedie In Montagna

#3  nembokid Lun 19 Gen, 2009 17:17

Andare in montagna è sicuramente una bella attività non esente da rischi, tutti ne siamo consapevoli, ma si pensa che a se stessi non possa mai accadere niente.
in alcune circostanze mi sono trovato nei "casini" anch'io e fortunatamente ne sono sempre uscito ripromettendomi di non tornare più e di gettare via tutto il materiale alpinistico in mio possesso... ma poi la voglia ritorna.
Io ho perso un caro amico in montagna e certo, questo episodio mi ha rallentato molto, abbassando notevolmente le mie capacità psicologiche di tenuta in caso d'imprevisto.
Ora sto molto con i piedi per terra sicuramente più di prima rinunciando più spesso anche in circostanze ottimali.
Una cosa è certa si può essere esperti quanto si voglia ma non tutto è calcolabile, le difficoltà, l'ambiente che ti circonda, pertanto in prima battuta dico sempre che nelle sventure il destino è crudele e nulla si può.
Chi cade in tragedia non credo che se le va a cercare, vuole solo passare una bella giornata in compagnia e in situazioni davvero uniche, poi errare è umano e peccare di superficialità può anche accadere, specie quando si devono prendere decisioni sotto forte stress...
Non so se ho fatto confusione nell'esprimere il concetto.... ma non è facile tradurre in parole le proprie emozioni...
 




____________
"Soltanto una reale ricerca di conoscenza potrebbe giustificare l'innaturale rischio cui va incontro l'arrampicatore" Paolo Caruso
 
avatar
italia.png nembokid Sesso: Uomo
Esperto
Esperto
 
Utente #: 461
Registrato: 17 Nov 2008

Età: 49
Messaggi: 1058

Preferenza Meteo: Indifferente


Località: Gubbio

  • Torna in cima Vai a fondo pagina
 

Messaggio Re: Nuove Tragedie In Montagna

#4  and1966 Lun 19 Gen, 2009 17:44

La mia riflessione puntava ad evidenziare un fatto: queste due tragedie sono avvenute in pieno inverno. Anni fa, quando ragazzino seguivo con molta fantasia le imprese dei Bonatti, dei Cesare Maestri e da ultimo di Messner, ricordo che tentare ascensioni di montagne come il Bianco in invernale veniva considerata impresa da uomini eccezionali.

Ora, sono d'accordo che i materiali abbiano fatto enormi passi avanti, semplificando molto l'approccio alpinistico, ma mi viene in mente un paragone (azzardato ?): anche le automobili, con i vari miglioramenti introdotti nell'elettronica ed anche nella meccanica, ci permettono oggi di affrontare la strada con velocita' e prestazioni impensabili fino a pohe decine di anni fa, e, se pensiamo che all'epoca solo dei provetti piloti potevano pilotare macchine da oltre 150-200 CV, oggi, vista la "docilita'" di tali mezzi, un po' tutti si cimentano. Dimenticando spesso che se non si ha una preparazione specifica, nel momento della vera emergenza, non c'e' ABS o TCS che tenga, ci si spalma da qualche parte e pace.

Anche nell'alpinismo, il progresso tecnico ha fatto si' che tanta gente si cimenti con la montagna, che resta oggettivamente un ambiente difficile. Vedere tuttavia che si vada in cordata sul K2 o sul Nanga Parbat con mezzi ridicoli (leggere relative cronache delle recenti e gravi sciagure su queste due montagne), mi lascia un po' perplesso sulla imponderabilità dell'evento.

Cito anche il fatto che personalmente, in molte escursioni sulle cime appenniniche, ho visto gente salire con le ciabattine sul Catria o sul Cucco, il che francamente non mi da' l'impressione di grande previdenza.

Quanto al fatto che certi "saggi" siano stati coinvolti a loro volta in incidenti, non e' che una ulteriore conferma sul comunque elevato grado di imprevedibilità degli eventi di montagna, fatto questo che dovrebbe indurre ad una ancor piu' profonda riflessione
 



 
avatar
blank.gif and1966 Sesso: Uomo
Moderatore
Moderatore
 
Utente #: 364
Registrato: 02 Feb 2008

Età: 53
Messaggi: 9936

Preferenza Meteo: Freddofilo

Stazione Meteo: Nessuna

Località: Mariano C. (CO) - 260 slm / Sigirino - Canton Ticino (SVI) - 400 slm

  • Torna in cima Vai a fondo pagina
 


Pagina 1 di 1
 


NascondiQuesto argomento è stato utile?
Condividi Argomento
Segnala via email Facebook Twitter Windows Live Favorites MySpace del.icio.us Digg SlashDot google.com LinkedIn StumbleUpon Blogmarks Diigo reddit.com Blinklist co.mments.com
technorati.com DIGG ITA linkagogo.com meneame.net netscape.com newsvine.com yahoo.com Fai Informazione Ok Notizie Segnalo Bookmark IT fark.com feedmelinks.com spurl.net
Inserisci un link per questo argomento
URL
BBCode
HTML
NascondiArgomenti Simili
Argomento Autore Forum Risposte Ultimo Messaggio
No Nuovi Messaggi La Mia Montagna Piu' Amata.... and1966 Meteoappennino 16 Mer 02 Nov, 2011 21:45 Leggi gli ultimi Messaggi
nembokid
No Nuovi Messaggi Morire A 29 Anni In Montagna montevettore Meteoappennino 3 Ven 20 Apr, 2012 10:58 Leggi gli ultimi Messaggi
mausnow
No Nuovi Messaggi Incidenti In Montagna E Valanghe nembokid Off-Topic 0 Mar 09 Feb, 2010 23:42 Leggi gli ultimi Messaggi
nembokid