Monitoraggio Indici e Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20 »  Mostra messaggi da    a     

Linea Meteo


Meteocafè - Monitoraggio Indici e Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20



il fosso [ Dom 19 Lug, 2020 16:41 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
Frasnow ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Dobbiamo ringraziare anche l'ITCZ, mi sa, oltre che la Nina per l'estate fino ad oggi vissuta



Si Fra, ITCZ è sicuramente correlato ad ENSO, come a IOD tornato in fase neutra dopo una fortemente positiva. Se vuoi saperlo è correlato anche alla variabilità multidecadale atlantica...

Non è invece correlato a PDO, che incide sul getto polare ma non sul trasporto di masse d’aria tropicali.


Frasnow [ Dom 19 Lug, 2020 18:39 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
il fosso ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Frasnow ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Dobbiamo ringraziare anche l'ITCZ, mi sa, oltre che la Nina per l'estate fino ad oggi vissuta



Si Fra, ITCZ è sicuramente correlato ad ENSO, come a IOD tornato in fase neutra dopo una fortemente positiva. Se vuoi saperlo è correlato anche alla variabilità multidecadale atlantica...

Non è invece correlato a PDO, che incide sul getto polare ma non sul trasporto di masse d’aria tropicali.

Grazie Paolo, mi rincuorano molto le tue parole. Se posso volevo chiederti un'altra cosa, ma sto indice AMO ha cambiato segno o ancora non se ne parla? Perché dallo storico NOAA non vedo ne fasi prolungate positive né tanto meno negative quando si parla invece di cicli di circa 10-20 anni. Comunque credo che per la stagione invernale, al netto di molti altri fattori, potremmo già ravvisare qualche piccolo miglioramento su scala emisferica. Che ne pensi?


Olimeteo [ Dom 19 Lug, 2020 19:54 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
itcz ITCZ riportatosi un po' su ultimamente . Non saprei se ciò che è stato finora sia correlabile ad una cella di Hadley più attiva come subtropicale oceanico, lasciando invece a più basse latitudini la spinta dell'africano.
Però vedo che il "normal" presuppone comunque una linea più alta ad ovest piuttosto che tra Niger e Sudan.


il fosso [ Dom 19 Lug, 2020 21:38 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
Frasnow ha scritto: [Visualizza Messaggio]
il fosso ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Non è invece correlato a PDO, che incide sul getto polare ma non sul trasporto di masse d’aria tropicali.

Grazie Paolo, mi rincuorano molto le tue parole. Se posso volevo chiederti un'altra cosa, ma sto indice AMO ha cambiato segno o ancora non se ne parla? Perché dallo storico NOAA non vedo ne fasi prolungate positive né tanto meno negative quando si parla invece di cicli di circa 10-20 anni. Comunque credo che per la stagione invernale, al netto di molti altri fattori, potremmo già ravvisare qualche piccolo miglioramento su scala emisferica. Che ne pensi?


Il ciclo AMO è trentennale, anche qualcosa più addirittura avvolte, ha mutato gradualmente segno a inizio anni ‘90, per alcuni studi nuova fase positiva preannunciata dal non inverno ‘88/89. Ora siamo ancora positivi, ma ci sono segnali di inversione, e i tempi sono maturi. Vedremo mutare definitivamente il segno nel corso del prossimo decennio. Ciò in passato ha inciso molto sul clima europeo, così come hanno inciso le fasi positive (ce ne siamo accorti ) vedremo se sarà ancora così

Per quanto riguarda il prossimo inverno ci sono diverse cose che lasciano supporre una stagione ben diversa da quella appena trascorsa; ma anche lo scorso inverno lo immaginavo diverso non eccezionale ma decisamente migliore dell’inimmaginabile schiacciasassi zonale che è stato. Quindi aspettiamo almeno fine ottobre per vedere come quaglia il quadro teleconnettivo.


Frasnow [ Dom 19 Lug, 2020 22:14 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
il fosso ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Frasnow ha scritto: [Visualizza Messaggio]
il fosso ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Non è invece correlato a PDO, che incide sul getto polare ma non sul trasporto di masse d’aria tropicali.

Grazie Paolo, mi rincuorano molto le tue parole. Se posso volevo chiederti un'altra cosa, ma sto indice AMO ha cambiato segno o ancora non se ne parla? Perché dallo storico NOAA non vedo ne fasi prolungate positive né tanto meno negative quando si parla invece di cicli di circa 10-20 anni. Comunque credo che per la stagione invernale, al netto di molti altri fattori, potremmo già ravvisare qualche piccolo miglioramento su scala emisferica. Che ne pensi?


Il ciclo AMO è trentennale, anche qualcosa più addirittura avvolte, ha mutato gradualmente segno a inizio anni ‘90, per alcuni studi nuova fase positiva preannunciata dal non inverno ‘88/89. Ora siamo ancora positivi, ma ci sono segnali di inversione, e i tempi sono maturi. Vedremo mutare definitivamente il segno nel corso del prossimo decennio. Ciò in passato ha inciso molto sul clima europeo, così come hanno inciso le fasi positive (ce ne siamo accorti ) vedremo se sarà ancora così

Per quanto riguarda il prossimo inverno ci sono diverse cose che lasciano supporre una stagione ben diversa da quella appena trascorsa; ma anche lo scorso inverno lo immaginavo diverso non eccezionale ma decisamente migliore dell’inimmaginabile schiacciasassi zonale che è stato. Quindi aspettiamo almeno fine ottobre per vedere come quaglia il quadro teleconnettivo.

Ti ringrazio molto per le delucidazioni, speriamo inizi a cambiare qualcosa a breve allora e che questa Nina possa dare inizio ad una nuova fase climatica più promettente


il fosso [ Dom 19 Lug, 2020 23:02 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
[quote user="Frasnow" post="527253"][quote user="il fosso" post="527249"]
Frasnow ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Ti ringrazio molto per le delucidazioni, speriamo inizi a cambiare qualcosa a breve allora e che questa Nina possa dare inizio ad una nuova fase climatica più promettente


C’è correlazione anche tra AMO e variabilità ENSO poi se ti va di leggerli ricerco i vari studi e te li linko ( ci vuole dedizione e pazienza per leggerli tutti ti avverto , e non è che sia sempre tutto “oro colato”, sono studi molto interessanti e ben fatti, ma bisogna sempre tener presente che i principi di variabilità naturale sono infiniti quindi contengono sempre molte incognite)


Alessandro Foiano [ Lun 20 Lug, 2020 00:57 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
Frasnow ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Alessandro Foiano ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Frasnow ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Dobbiamo ringraziare anche l'ITCZ, mi sa,

Il riferimento non è 1981/2010.
Da dire che il riferimento climatologico è il 2003-2013 anche qui ci sarebbe da ridire sulla parola climatologico e apprezzare la climatologia solo su 11 anni mi pare davvero errato.
Non capisco perché ogni volta devi saltare di palo in frasca...
ho già fatto notare che il periodo 1989-2002 è un periodo con riferimento ITCZ superiore di latitudine rispetto al periodo 2003-2013. basta leggere l'archivio:

ftp://ftp.cpc.ncep.noaa.gov/fews/itcz/clim/

Chi ha parlato di medie? Siamo più bassi a prescindere dal periodo di riferimento motivo per cui il subtropicale, grazie anche all'ITCZ, se ne sta buono a cuccia senza infierire sul continente Europeo,fino ad oggi. Il resto non mi interessa e non capisco perché devi saltare sempre di palo in frasca per aggiungere un qualcosa che non è necessario.


Si siamo più bassi a prescindere come dici...ma io facevo riferimento al fatto che il periodo 1989-2002 è più alto del periodo 2003-2013, quindi ne deduco che l'ITCZ nonostante fosse stato più basso tra il 2003 e il 2013 abbiamo vissuto estati più calde con l'ITCZ più basso...se non è necessario precisre che non ci sia una conseguenza in base alla latitudine dell'ITCZ allora vuol dire che non ti interessano i dati dell'ITCZ...


Alessandro Foiano [ Lun 20 Lug, 2020 01:05 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
Olimeteo ha scritto: [Visualizza Messaggio]
itcz ITCZ riportatosi un po' su ultimamente . Non saprei se ciò che è stato finora sia correlabile ad una cella di Hadley più attiva come subtropicale oceanico, lasciando invece a più basse latitudini la spinta dell'africano.
Però vedo che il "normal" presuppone comunque una linea più alta ad ovest piuttosto che tra Niger e Sudan.


Per me tutto questa attenzione su questo indice è fuorviante, perchè l'estate 2014 non è stata convincente nello smontare questa leggenda?

itcz2014

Tra l'altro il periodo 1989-2002 con estati più fresche a cui accennavo sopra a Francesco sono state più fresche del periodo 2003-2013...ma nonostante questo ancora si sente parare di ITCZ..

ITCZ é un indice descrittivo che viene descritto di conseguenza a certi andamenti delle onde planetarie.


Olimeteo [ Lun 20 Lug, 2020 08:05 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
Come ricorderai, non buttai più l'occhio a tale indice ormai da un po'.
Fra - questo è il topic giusto- ne ha fatto menzione e io così per cercare di approfondire sempre un po' per volta... Poi, come scrivi, potremmo avere avuto più ingerenza di subtropicale africana lo stesso nel periodo post 2002 anche se l'indice non abbia mostrato particolari anomalie o ondulazioni dell'oscillazione ? O anche avere un'ITCZ molto alta eppure non avvertire di rimbalzo effetti "africani" in zona nostra? Questi erano i miei dubbi.
Da profano, cercavo di trarne qualche cognizione. Se poi un'ondulazione più marcata in una zona (ovest centro est) potesse sortire (o no) certi effetti dinamici.


Frasnow [ Sab 01 Ago, 2020 13:20 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
Nina che inizia a "stendersi" per bene, speriamo ci sia continuità

cdas_sflux_ssta7diff_global_1_1596280838_610156
nino34_1596280843_947867


Frasnow [ Dom 02 Ago, 2020 07:53 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
Mar di Norvegia, Barents e Kara un brodo allucinante insieme al Mediterraneo e ghiaccio che, fino ad oggi, è in sofferenza come nel 2012 se non peggio ma con segnali di ripresa.

cdas_sflux_ssta_global_1_1596347582_993450
n_iqr_timeseries_1596347560_452786
csic_figure1


il fosso [ Dom 02 Ago, 2020 10:46 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
Frasnow ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Mar di Norvegia, Barents e Kara un brodo allucinante insieme al Mediterraneo e ghiaccio che, fino ad oggi, è in sofferenza come nel 2012 se non peggio ma con segnali di ripresa.



Le anomalie artiche sono dovute all'ammanco di ghiaccio che, soprattutto post 2007, puntuale si presenta tutti gli anni in questo periodo, è quest'anno finora è il peggiore in estensione;

cdas_sflux_ssta_global_1_1596357647_453827 csic_figure2

Gli inverni con VP molto forte si confermano deleteri per i ghiacci artici, (2007,2012), quest'anno è stato estremamente forte, direi unico, si sperava in conseguenze diverse per questo, invece a quanto pare l'ammanco di estensione è circa direttamente proporzionale alla forza del VP invernale.


Fili [ Dom 02 Ago, 2020 11:09 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
Frasnow ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Mar di Norvegia, Barents e Kara un brodo allucinante insieme al Mediterraneo e ghiaccio che, fino ad oggi, è in sofferenza come nel 2012 se non peggio ma con segnali di ripresa.


?? ma com'è possibile che i mari artici abbiano la stessa temperatura superficiale del Mediterraneo?

EDIT: si parla di anomalie scusate


Frasnow [ Dom 02 Ago, 2020 11:25 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
il fosso ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Frasnow ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Mar di Norvegia, Barents e Kara un brodo allucinante insieme al Mediterraneo e ghiaccio che, fino ad oggi, è in sofferenza come nel 2012 se non peggio ma con segnali di ripresa.



Le anomalie artiche sono dovute all'ammanco di ghiaccio che, soprattutto post 2007, puntuale si presenta tutti gli anni in questo periodo, è quest'anno finora è il peggiore in estensione;


Gli inverni con VP molto forte si confermano deleteri per i ghiacci artici, (2007,2012), quest'anno è stato estremamente forte, direi unico, si sperava in conseguenze diverse per questo, invece a quanto pare l'ammanco di estensione è circa direttamente proporzionale alla forza del VP invernale.

La mia paura più grande è che non saprei come potrebbe invertirsi la tendenza... Ma è altrettanto vero che sotto la soglia del 2012 ci siamo scesi per un breve periodo solo quest'anno quindi evidentemente c'è una sorta di equilibrio, al ribasso rispetto alla media, che si mantiene costante...


il fosso [ Dom 02 Ago, 2020 14:00 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
Frasnow ha scritto: [Visualizza Messaggio]

La mia paura più grande è che non saprei come potrebbe invertirsi la tendenza... Ma è altrettanto vero che sotto la soglia del 2012 ci siamo scesi per un breve periodo solo quest'anno quindi evidentemente c'è una sorta di equilibrio, al ribasso rispetto alla media, che si mantiene costante...


Cicli oceanici/orbitali, downwelling dominante e fase tropicale forte, meccanismi indotti dallo spaceweather, il vulcanismo che ha pesato anche molto in passato e chissà cos’altro. Ma c’è anche la mano dell’uomo (deforestazione tropicale, blackcarbon e urbanizzazione soprattutto) a pesare in una qualche misura, modificando l’albedo, che è uno dei principali meccanismi di regolamentazione termica che ha il pianeta, speriamo in misura non eccessivamente incidente; è molto più pericoloso questo che la Co2.


Olimeteo [ Dom 02 Ago, 2020 14:14 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
Fili ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Frasnow ha scritto: [Visualizza Messaggio]



?? ma com'è possibile che i mari artici abbiano la stessa temperatura superficiale del Mediterraneo?

EDIT: si parla di anomalie scusate


Lì per lì ingannato .
Quindi, Paolo, i motivi appena esposti, fanno sì che pur con un VP forte in inverno appena sopraggiunge l'estate lassù quel (che era) VP non riesce a mantenere un equilibrio e certi effetti "positivi" per quelle zone?
Perché quelle anomalie sono davvero rilevanti.


il fosso [ Dom 02 Ago, 2020 14:36 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
Olimeteo ha scritto: [Visualizza Messaggio]

Quindi, Paolo, i motivi appena esposti, fanno sì che pur con un VP forte in inverno appena sopraggiunge l'estate lassù quel (che era) VP non riesce a mantenere un equilibrio e certi effetti "positivi" per quelle zone?
Perché quelle anomalie sono davvero rilevanti.


No, aspetta, non mischiare le cose. Punto primo le anomalie sono rilevanti perché come ho postato li nei decenni scorsi c’era ghiaccio, non oceano.
Punto secondo, il VP forte per come lo intendiamo noi ( vorticità strette intorno al polo ) è sempre deleterio per l’estensione dei ghiacci invernali e di conseguenza estivi, era da valutare se l’eccezionale forza del passato inverno potesse avere riflessi diversi, ma così non è stato, la regola si è confermata (e noi semmai ci mettiamo il carico).
Il VP forte è comunque figlio delle fasi climatiche più calde, nelle fasi più fredde avrai un espansione della cella polare, quindi minori vorticità in prossimità del Polo geografico ed estensione del fronte polare verso le medie latitudini.


Olimeteo [ Dom 02 Ago, 2020 17:42 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
Tutto chiaro ora. Davo per causa-effetto sistematico che una concentrazione di vorticità tutta assembrata lassù potesse sostentare e far perdurare certe condizioni glaciali nei mari artici.
Invece che poi i riflessi" potessero essere diversi(=positivi), come hai detto tu, era solo un'eventualità come eccezione alla regola.

Certo se in inverno rimane tutto accorpato lassù senza che la cella polare scenda a più basse latitudini...
E se il pack scompare sempre più...


Frasnow [ Dom 23 Ago, 2020 11:38 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
Proviamo a dare uno sguardo a quello che sarà il nuovo vortice polare in formazione sulla sua verticale geografica. Si nota subito quello che già sappiamo ormai da anni, ovvero il sempre più potente vortice stratosferico (quote di riferimento a 10 e 30hPa) che anche quest'anno risulta, già ad oggi ma in maniera blanda, più intenso e freddo rispetto alla media di riferimento.

u_65n_10hpa_1598174432_821321
pole10_nh_1598174442_643701
pole30_nh_1598174447_380183

Sappiamo bene quanto sia incidente, per riflesso sulla dinamica T-S-T, la porzione stratosferica sull'equilibrio termico-dinamico di tutta la colonna del VP durante la sua formazione e in particolar modo durante la stagione invernale dove viene meno l'irraggiamento termico. Insomma, ogni anno partiamo sempre più svantaggiati nei confronti di una storicità climatica che ormai non ci appartiene più a causa del GW, ed è bene sempre tenerlo a mente.

Altro aspetto da non sottovalutare è la cronica mancanza di ozono che permetterebbe una maggiore vivacità termico/barica su uno strato atmosferico dove scarseggiano ossigeno e moti convettivi e risultano quindi fondamentali, al fine di destrutturarlo, i riscaldamenti repentini che ne conseguono dalla scissione dell'atomo di ozono.

immagine_1598174542_786325

Vorrei poi spendere una parola sull'attuale stagione estiva che, al netto dei prossimi 30 giorni prima della sua transizione verso quella autunnale, ci ha portato in essere temperature che tutto sommato rispetto agli ultimi 10 anni si sono mostrate più umane e clementi nei confronti di un po' tutto lo Stivale ma una siccità dura da digerire.

3cpnp1_1598175420_484949
1cpnp1_1598175426_280735

Personalmente, ma chiamo in causa il Fosso e Carletto per maggiore chiarezza, ritengo che il passaggio verso la Nina abbia contribuito a tenere a bada la cella di hadley sia per un discorso atmosferico che oceanico e che ci possa dare una grossa mano a buttar giù qualche decimo a livello globale e magari modificare circolazioni ormai bloccate da tempo che ci stanno penalizzando molto.

cdas_sflux_ssta_global_1_1598175086_460071
itcz_1598175098_954325
west_1598175106_663478
east

Altro anno, altra corsa. Vediamo se riusciamo a scostarci dal solito condizionamento stratosferico oppure sarà la solita minestra, in questo caso raffreddata però



enniometeo [ Dom 23 Ago, 2020 12:19 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
La QBO in questo momento è positiva o negativa?


Frasnow [ Dom 23 Ago, 2020 12:26 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
enniometeo ha scritto: [Visualizza Messaggio]
La QBO in questo momento è positiva o negativa?

Negativa a 50hPa, neutra a 30hPa. Sono ormai diversi cicli che si sta comportando in maniera alquanto anomala, con durata ridotta della fase negativa (di norma circa 24 mesi) e sfalsamento (come in questo caso) dell'anomalia tra i vari piani isobarici.

qbo_wind_1598178365_558725


enniometeo [ Dom 23 Ago, 2020 13:05 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
Frasnow ha scritto: [Visualizza Messaggio]
enniometeo ha scritto: [Visualizza Messaggio]
La QBO in questo momento è positiva o negativa?

Negativa a 50hPa, neutra a 30hPa. Sono ormai diversi cicli che si sta comportando in maniera alquanto anomala, con durata ridotta della fase negativa (di norma circa 24 mesi) e sfalsamento (come in questo caso) dell'anomalia tra i vari piani isobarici.



Grazie


Carletto89 [ Dom 23 Ago, 2020 16:53 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
Frasnow ha scritto: [Visualizza Messaggio]

Personalmente, ma chiamo in causa il Fosso e Carletto per maggiore chiarezza, ritengo che il passaggio verso la Nina abbia contribuito a tenere a bada la cella di hadley sia per un discorso atmosferico che oceanico e che ci possa dare una grossa mano a buttar giù qualche decimo a livello globale e magari modificare circolazioni ormai bloccate da tempo che ci stanno penalizzando molto.


Grande analisi Fra! Ci vuole un punto della situazione così ogni tanto!

Per quanto riguarda la Niña, che si trova in una fase debole, credo fortemente che per noi abbia voluto dire qualcosa di importante già da questa estate.

Nonostante un GW imperante, il contributo di questa seppur banale oscillazione, chiamata ENSO, ha un ruolo fondamentale nella alimentazione degli anticicloni subtropicali.

Non è un casso che la cella di Hadley non abbia avuto il solito rigonfiamento che ricaccia e comprime la cella di Ferrel.

Si è visto spesso e soprattutto il nord Italia, essere sotto il tiro di un abbassamento del getto, cosa anomala se confrontata con il trend delle ultime estati.

Intanto portiamo a casa questo che è un risultato, seppur misero per qualcuno. Per l'autunno e l'inverno si vedrà!


il fosso [ Lun 24 Ago, 2020 15:23 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
La Nina contribuisce ad alzare i GPT oceanici, è probabile che il buon scivolo barico che ci ha accompagnati in questa estate dipenda anche da questo. Il getto si è mosso con fluidità, senza inciampi, sostenuto da un Azzorre che ha raramente ceduto in oceano, regalandoci un Giugno/Luglio assolutamente gradevoli, ha ceduto parzialmente solo in Agosto, probabilmente a causa del minimo artico; venendo a mancare il giusto contrasto alle spinte tropicali il getto ha perso tensione zonale.

Gli indici suggeriscono un autunno/inverno promettenti, ma le incognite sono sempre molte e in parte legate anch’esse al forte ammanco di ghiacci artici che ci accompagna in particolare dal 2007.

Per ora mi aspetto un autunno con accentuati scambi di calore in senso meridiano, come accennavo giorni fa anche nel topic previsionale, con l’incognita di quanto l’Azzorre sarà invadente sul continente. Sul quadro mediterraneo centrale potrebbe prevalere un regime di correnti settentrionali e con possibili rientri orientali; anche freschi ma non particolarmente instabili, specie nella prima parte. Con la stagione matura la componente oceanica ed instabile potrebbe aumentare. Ovviamente prendete il tutto con le pinze.


Alessandro Foiano [ Mar 25 Ago, 2020 16:40 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
AMO++
https://psl.noaa.gov/data/correlation/amon.us.data
Nina debole
https://iri.columbia.edu/wp-content/uploads/2020/08/figure4.png


il fosso [ Lun 31 Ago, 2020 20:38 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
Ammanco di ghiacci marini forte, ma dovremmo rimanere un po’ distanti dal minimo del 2012;

176a3bd0_ca0e_4447_afe8_0cd8d61657c3

Anche perché l’Artico va freddandosi rapidamente,
Da così;
cdee3bfe_7ee4_481b_bc67_fa58cc90e2f1

A così tra 6 giorni;
0b5234f1_1477_4445_a607_494f2ae431d1

L’Antartide invece non ascolta le ragioni del GW, netto sopra media.

7ff73bac_309c_4eeb_bd1c_5b865375ecb0


Alessandro Foiano [ Mar 01 Set, 2020 00:11 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
Alessandro Foiano ha scritto: [Visualizza Messaggio]
AMO++
https://psl.noaa.gov/data/correlation/amon.us.data
Nina debole
https://iri.columbia.edu/wp-content/uploads/2020/08/figure4.png


anche in quest'autunno un'indice potrebbe avere un peso notevole sulla dinamica atmosferica europea dei prossimi mesi...da capire quale sarà questo indice..nel 2018 abbiamo avuto una forte positività della NAO, nel 2019 abbiamo avuto l'exploit dello IOD, quest'anno che trascorreranno di nuovo mesi autunnali con bassa attività solare quale sarà l'indice che avrà un'influenza determinante sulle sorti autunnali ?


GiagiMeteo [ Mar 01 Set, 2020 08:20 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
Alessandro Foiano ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Alessandro Foiano ha scritto: [Visualizza Messaggio]
AMO++
https://psl.noaa.gov/data/correlation/amon.us.data
Nina debole
https://iri.columbia.edu/wp-content/uploads/2020/08/figure4.png


anche in quest'autunno un'indice potrebbe avere un peso notevole sulla dinamica atmosferica europea dei prossimi mesi...da capire quale sarà questo indice..nel 2018 abbiamo avuto una forte positività della NAO, nel 2019 abbiamo avuto l'exploit dello IOD, quest'anno che trascorreranno di nuovo mesi autunnali con bassa attività solare quale sarà l'indice che avrà un'influenza determinante sulle sorti autunnali ?

Io direi che la combo ENSO -/IOD - potrebbe essere ciò che condizionerà più quest'autunno.
Comunque aspettiamo e osserviamo.


Alessandro Foiano [ Mar 01 Set, 2020 09:47 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
GiagiMeteo ha scritto: [Visualizza Messaggio]

Io direi che la combo ENSO -/IOD - potrebbe essere ciò che condizionerà più quest'autunno.
Comunque aspettiamo e osserviamo.


Io intendo indici estremi che vanno ad incidere su larga scala..lo IOD mi pare proprio ininfluente quest'anno rientra in terra neutra:

dmi_short_1598946280_196101

La Nina è prevista debole e non forte...sono altri i valori di La Nina che possano influenzare in maniera decisa su larga scala, non gli attuali valori:

nino34_long


il fosso [ Mar 01 Set, 2020 11:36 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
Alessandro Foiano ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Alessandro Foiano ha scritto: [Visualizza Messaggio]
AMO++
https://psl.noaa.gov/data/correlation/amon.us.data
Nina debole
https://iri.columbia.edu/wp-content/uploads/2020/08/figure4.png


anche in quest'autunno un'indice potrebbe avere un peso notevole sulla dinamica atmosferica europea dei prossimi mesi...da capire quale sarà questo indice..nel 2018 abbiamo avuto una forte positività della NAO, nel 2019 abbiamo avuto l'exploit dello IOD, quest'anno che trascorreranno di nuovo mesi autunnali con bassa attività solare quale sarà l'indice che avrà un'influenza determinante sulle sorti autunnali ?


Che vada a dominare proprio la ridotta attività solare in un quadro che vede calo delle anomalie positive tropicali donando un VP più debole centralmente.
Nao neutro-negativa?


Olimeteo [ Mar 01 Set, 2020 12:01 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
Esatto, ossia possibile. Una NAO- potrebbe attivarsi e qualche Stratwarming meno "late" per non rivedere uno pseudo-inverno a fine Marzo/inizio Aprile.


Alessandro Foiano [ Mar 01 Set, 2020 16:45 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
il fosso ha scritto: [Visualizza Messaggio]

Che vada a dominare proprio la ridotta attività solare in un quadro che vede calo delle anomalie positive tropicali donando un VP più debole centralmente.
Nao neutro-negativa?


Sono sempre più dell'idea che un VP forte in troposfera si mostra centralmente(al Polo)più debole(in realta è un sintomo di forza del VP.).
Ho sempre pensato che un VP molto forte sia da intendere come forza ed estensione in troposfera a più basse latitudini rispetto ad un VP debole ed alla sua minore estensione/influenza nell'area troposferica emisferica.

Il risultato in autunno di un VP forte è sicuramente correlata alla NAO negativa di novembre, ma per quanto riguarda settembre e ottobre non andrei a specificare quale possa essere il segno dell'oscillazione.

Ritornando al segno della NAO di settembre/ottobre credo che sia influenzata da molteplici fattori e non dal VP...a novembre invece possiamo sicuramente fare altri tipi di correlazioni molto più solide rispetto alla stagione invernale.


il fosso [ Mar 01 Set, 2020 17:13 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
Alessandro Foiano ha scritto: [Visualizza Messaggio]
il fosso ha scritto: [Visualizza Messaggio]

Che vada a dominare proprio la ridotta attività solare in un quadro che vede calo delle anomalie positive tropicali donando un VP più debole centralmente.
Nao neutro-negativa?


Sono sempre più dell'idea che un VP forte in troposfera si mostra centralmente(al Polo)più debole(in realta è un sintomo di forza del VP.).
Ho sempre pensato che un VP molto forte sia da intendere come forza ed estensione in troposfera a più basse latitudini rispetto ad un VP debole ed alla sua minore estensione/influenza nell'area troposferica emisferica.

Il risultato in autunno di un VP forte è sicuramente correlata alla NAO negativa di novembre, ma per quanto riguarda settembre e ottobre non andrei a specificare quale possa essere il segno dell'oscillazione.

Ritornando al segno della NAO di settembre/ottobre credo che sia influenzata da molteplici fattori e non dal VP...a novembre invece possiamo sicuramente fare altri tipi di correlazioni molto più solide rispetto alla stagione invernale.


Convenzionalmente si parla di VP forte quando le vorticità sono meno estese verso le medie latitudini, concentrate sul polo, profondità GPT e velocità di rotazione maggiori, quindi FP mediamente più a nord. Poi posso anche essere d’accordo a definirlo più forte quando è più esteso (anzi sarebbe probabilmente più corretto) ma per capirci con tutti è meglio usare termini convenzionali.
Comunque secondo il mio parere il VP dice già nettamente la sua nel primo autunno, il posizionamento, profondità, dinamicità ed interazioni con le masse tropicali delle nascenti vorticità. Possiamo però dire che è sicuramente diverso il set barico corrispondente al valore dei vari indici rispetto al periodo novembre/aprile ( es. nao fortemente negativa in inverno corrisponde ad un particolare tipo di espressione locale, in autunno ad un’altro).


Millibar [ Mar 01 Set, 2020 20:09 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
Alessandro Foiano ha scritto: [Visualizza Messaggio]
il fosso ha scritto: [Visualizza Messaggio]

Che vada a dominare proprio la ridotta attività solare in un quadro che vede calo delle anomalie positive tropicali donando un VP più debole centralmente.
Nao neutro-negativa?


Sono sempre più dell'idea che un VP forte in troposfera si mostra centralmente(al Polo)più debole(in realta è un sintomo di forza del VP.).
Ho sempre pensato che un VP molto forte sia da intendere come forza ed estensione in troposfera a più basse latitudini rispetto ad un VP debole ed alla sua minore estensione/influenza nell'area troposferica emisferica.

Il risultato in autunno di un VP forte è sicuramente correlata alla NAO negativa di novembre, ma per quanto riguarda settembre e ottobre non andrei a specificare quale possa essere il segno dell'oscillazione.

Ritornando al segno della NAO di settembre/ottobre credo che sia influenzata da molteplici fattori e non dal VP...a novembre invece possiamo sicuramente fare altri tipi di correlazioni molto più solide rispetto alla stagione invernale.
ciao ale io credo quest'anno il peso maggiore possa averla la forte anomalia artica, con grave carenza sul lato europeo


Alessandro Foiano [ Mer 02 Set, 2020 03:18 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
il fosso ha scritto: [Visualizza Messaggio]

Convenzionalmente si parla di VP forte quando le vorticità sono meno estese verso le medie latitudini, concentrate sul polo, profondità GPT e velocità di rotazione maggiori, quindi FP mediamente più a nord. Poi posso anche essere d’accordo a definirlo più forte quando è più esteso (anzi sarebbe probabilmente più corretto) ma per capirci con tutti è meglio usare termini convenzionali.
Comunque secondo il mio parere il VP dice già nettamente la sua nel primo autunno, il posizionamento, profondità, dinamicità ed interazioni con le masse tropicali delle nascenti vorticità. Possiamo però dire che è sicuramente diverso il set barico corrispondente al valore dei vari indici rispetto al periodo novembre/aprile ( es. nao fortemente negativa in inverno corrisponde ad un particolare tipo di espressione locale, in autunno ad un’altro).


è questo che sto cercando di spiegare:

esiste un VP(debole) con l'estensione latitudinale che abbiamo visto negli ultimi trentenni

1)presenta vorticità profonde concentrate sul Polo
2)presenta vorticità profonde all'infuori del Polo

Secondo me può esistere un VP con una maggiore estensione latitudinale( lo dimostra in reanalisys il JS che si colloca durante l'anno mediamente pochi gradi di latitudine più basso..anni molto lontani dagli ultimi anni degli ultimi trentenni.)

3) presenta vorticità profonde più estese all'infuori del Polo rispetto al caso 2 sopra
4) presenta vorticità profonde più estese concentrate sul Polo rispetto al caso 1 sopra

P.s. è impossibile che esistano mediamente solo due tipi di VP...come solitamente si legge in letteratura mediamente con particolari parametri definiti Weak e Strong...l'ampiezza delle onde planetarie è variabile e quindi è impensabile che ci si riduca in letteratura a classificare il VP in due soli modi.


il fosso [ Mer 02 Set, 2020 22:20 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
Chiaro, non solo non ci sono solo due gradi di forza del VP, ogni stagione ha caratteristiche uniche, quindi possiamo tranquillamente affermare che i gradi di forza del VP sono infiniti. Quello che viene fatto in fase di analisi è prendere una media di riferimento, e in base alla media classificare il VP come weak o strong, con vari gradi di debolezza o forza; oppure nella media se è tale.

Nei periodi più caldi le pressioni tropicali aumentano, la zona di contrasto ( cella di Farrel ) sale di latitudine, quindi avrai lo sviluppo di vorticità barocline ( zone di approfondimento di pressione al suolo) più vicine al polo, maggiori spinte tangenti la rotazione generale della massa fredda polare, una cella polare di ridotta estensione.

Nei periodi freddi le pressioni tropicali diminuiscono restando più attive sugli oceani, il fronte polare si abbassa specie in corrispondenza dei continenti ( maggiore perdita di calore invernale), la zona di contrasto è più bassa di latitudine, la maggiore estensione geografica dell’FP determina maggiore spazio tra le onde planetarie acuendo l’ampiezza d’onda, la più estesa cella polare determina la formazione di hp polari al suolo (di tipo termico) per ridotta influenza delle vorticità periferiche. La velocità di rotazione di tutta la struttura diminuisce.

Poi hai casi (saltuari) che abbiamo potuto verificare anche nel passato prossimo, di maggiore ampiezze d’onda e maggiore estensione del FP, in un periodo caldo, che ha visto un VP mediamente forte. Ma ciò solitamente si espleta solo in certe porzioni dell’emisfero ( vedi i recenti freddi inverni USA) o, anche se si tratta di un fenomeno più esteso è dato da una condizione teleconnettiva particolarmente favorevole.


Alessandro Foiano [ Gio 03 Set, 2020 14:19 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
il fosso ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Chiaro, non solo non ci sono solo due gradi di forza del VP, ogni stagione ha caratteristiche uniche, quindi possiamo tranquillamente affermare che i gradi di forza del VP sono infiniti. Quello che viene fatto in fase di analisi è prendere una media di riferimento, e in base alla media classificare il VP come weak o strong, con vari gradi di debolezza o forza; oppure nella media se è tale.


quello infatti che cercavo di scrivere è che il weak/strong è dato da una media di riferimento che NON tiene conto ANCHE dell'estensione delle vorticità del VP.
Per chi sta alle nostre latitudini è importante. Chiaro che in Europa centro settentrionale è un parametro che poco conta.

il fosso ha scritto: [Visualizza Messaggio]

Poi hai casi (saltuari) che abbiamo potuto verificare anche nel passato prossimo, di maggiore ampiezze d’onda e maggiore estensione del FP, in un periodo caldo, che ha visto un VP mediamente forte. Ma ciò solitamente si espleta solo in certe porzioni dell’emisfero ( vedi i recenti freddi inverni USA) o, anche se si tratta di un fenomeno più esteso è dato da una condizione teleconnettiva particolarmente favorevole.


Si espleta anche nella nostra porzione di emisfero se prendiamo il passato dagli anni '40 agli anni '70. Dipende dal trend delle onde planetarie.


il fosso [ Gio 03 Set, 2020 14:50 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
Quote


il fosso [ Gio 03 Set, 2020 14:53 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
Alessandro Foiano ha scritto: [Visualizza Messaggio]


Si espleta anche nella nostra porzione di emisfero se prendiamo il passato dagli anni '40 agli anni '70. Dipende dal trend delle onde planetarie.


Si certo, USA era solo un esempio recente, potrei dire 2005 per l’Europa; il periodo ‘40/‘70 è stato più freddo in senso assoluto comunque.


Alessandro Foiano [ Gio 03 Set, 2020 17:15 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
Si è chiaro che chi non ha barriere orografiche a nord sul NH vedrà tutto molto più amplificato e più freddo in assoluto...ma appunto parlo di differenze minime di latitudine del JS che da trentennio a trentennio si fa pure fatica a discernere, ma la reanalisi media ci dice che è successo.


Alessandro Foiano [ Mer 09 Set, 2020 21:54 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
Aggiornamento forecast Nina , differenza notevole col precedente se non ricordo male:

nino34_rescaling_ensmean

1998 che ritorna come analogo papabile...


il fosso [ Gio 10 Set, 2020 00:14 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
Alessandro Foiano ha scritto: [Visualizza Messaggio]


1998 che ritorna come analogo papabile...


Ne seguì l’inverno più bello da quando ho memoria, ma ogni anno fa storia a se.


Alessandro Foiano [ Gio 10 Set, 2020 08:55 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
zona 3.4

nino34


setra85 [ Ven 11 Set, 2020 13:29 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
Alessandro Foiano ha scritto: [Visualizza Messaggio]
il fosso ha scritto: [Visualizza Messaggio]

Che vada a dominare proprio la ridotta attività solare in un quadro che vede calo delle anomalie positive tropicali donando un VP più debole centralmente.
Nao neutro-negativa?


Sono sempre più dell'idea che un VP forte in troposfera si mostra centralmente(al Polo)più debole(in realta è un sintomo di forza del VP.).
Ho sempre pensato che un VP molto forte sia da intendere come forza ed estensione in troposfera a più basse latitudini rispetto ad un VP debole ed alla sua minore estensione/influenza nell'area troposferica emisferica.

Il risultato in autunno di un VP forte è sicuramente correlata alla NAO negativa di novembre, ma per quanto riguarda settembre e ottobre non andrei a specificare quale possa essere il segno dell'oscillazione.

Ritornando al segno della NAO di settembre/ottobre credo che sia influenzata da molteplici fattori e non dal VP...a novembre invece possiamo sicuramente fare altri tipi di correlazioni molto più solide rispetto alla stagione invernale.


Io invece sono più propenso a intendere la forza del vortice polare nella suo approfondimento pressorio..simmetrico dei periodi caldi..quando il vortice polare risulta compatto
E debole nei periodi freschi o freddi


Alessandro Foiano [ Ven 11 Set, 2020 16:52 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
setra85 ha scritto: [Visualizza Messaggio]


Io invece sono più propenso a intendere la forza del vortice polare nella suo approfondimento pressorio..simmetrico dei periodi caldi..quando il vortice polare risulta compatto
E debole nei periodi freschi o freddi


Esistono le differenze termiche medie a 850 hPa del periodo 1940-1970 in raffronto per esempio al periodo 1990-2020.

La forza del VP la puoi anche tradurre in una forza per esempio che riesca con le proprie ondulazioni ad influenzare più o meno le quote della bassa troposfera.
Va da sè che un estensione maggiore (dello 0°Ca 850 hPa per esempio) ha un'influenza maggiore sulla bassa troposfera a parità di latitudine.


setra85 [ Ven 11 Set, 2020 17:16 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
Alessandro Foiano ha scritto: [Visualizza Messaggio]
setra85 ha scritto: [Visualizza Messaggio]


Io invece sono più propenso a intendere la forza del vortice polare nella suo approfondimento pressorio..simmetrico dei periodi caldi..quando il vortice polare risulta compatto
E debole nei periodi freschi o freddi


Esistono le differenze termiche medie a 850 hPa del periodo 1940-1970 in raffronto per esempio al periodo 1990-2020.

La forza del VP la puoi anche tradurre in una forza per esempio che riesca con le proprie ondulazioni ad influenzare più o meno le quote della bassa troposfera.
Va da sè che un estensione maggiore (dello 0°Ca 850 hPa per esempio) ha un'influenza maggiore sulla bassa troposfera a parità di latitudine.


C'è un bell'articolo su progettoscienze/blog che parla dell'andamento delle semi permanenti negli ultimi 70 anni


Alessandro Foiano [ Ven 11 Set, 2020 17:58 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
setra85 ha scritto: [Visualizza Messaggio]


C'è un bell'articolo su progettoscienze/blog che parla dell'andamento delle semi permanenti negli ultimi 70 anni

Quel tale Marco fa dei confronti sbagliati...non si possono confrontare le anomalie di un ventennio con quelle di un decennio.
Quello invece che non viene fatto notare è che i geopotenziali con anomalie più positive a 1000 mb sono quelle alle alte latitudini nord emisferiche per esempio del trentennio 1951-1980 e invece anomalie di GPT più bassi alle latitudini nord nel tretennio 1990-2019:

8lli9mpdd2

cvbjfygzan

le due semipermanenti aleutinica e islandese si sono avvicinate al Polo Nord e ne deriva un VP con minore estensione latitudinale dovuto alle due semipermanenti che si alzano di latitudine.

In definitiva nel semestre freddo nell'ultimo trentennio manca un forte aumento dei GPT alle latitudini polari rispetto al trentennio 1951-1980-


setra85 [ Ven 11 Set, 2020 19:15 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
Alessandro Foiano ha scritto: [Visualizza Messaggio]
setra85 ha scritto: [Visualizza Messaggio]


C'è un bell'articolo su progettoscienze/blog che parla dell'andamento delle semi permanenti negli ultimi 70 anni

Quel tale Marco fa dei confronti sbagliati...non si possono confrontare le anomalie di un ventennio con quelle di un decennio.
Quello invece che non viene fatto notare è che i geopotenziali con anomalie più positive a 1000 mb sono quelle alle alte latitudini nord emisferiche per esempio del trentennio 1951-1980 e invece anomalie di GPT più bassi alle latitudini nord nel tretennio 1990-2019:

le due semipermanenti aleutinica e islandese si sono avvicinate al Polo Nord e ne deriva un VP con minore estensione latitudinale dovuto alle due semipermanenti che si alzano di latitudine.

In definitiva nel semestre freddo nell'ultimo trentennio manca un forte aumento dei GPT alle latitudini polari rispetto al trentennio 1951-1980-


Esattamente
Le semipermanenti si sono avvicinate al polo nell'ultimo trentennio e con loro il vortice polare si e' innalzato di latitudine
Causa un espansione verso nord delle fasce anticicloniche in territori prima occupati dalle depressioni polari
Anche le zone latitudinalmente alte prima dominio della cella polare ora si trovano sede di depressioni polari con aria meridionale entrante


setra85 [ Ven 11 Set, 2020 21:19 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
Alessandro Foiano ha scritto: [Visualizza Messaggio]
setra85 ha scritto: [Visualizza Messaggio]


C'è un bell'articolo su progettoscienze/blog che parla dell'andamento delle semi permanenti negli ultimi 70 anni

Quel tale Marco fa dei confronti sbagliati...non si possono confrontare le anomalie di un ventennio con quelle di un decennio.
Quello invece che non viene fatto notare è che i geopotenziali con anomalie più positive a 1000 mb sono quelle alle alte latitudini nord emisferiche per esempio del trentennio 1951-1980 e invece anomalie di GPT più bassi alle latitudini nord nel tretennio 1990-2019:


le due semipermanenti aleutinica e islandese si sono avvicinate al Polo Nord e ne deriva un VP con minore estensione latitudinale dovuto alle due semipermanenti che si alzano di latitudine.

In definitiva nel semestre freddo nell'ultimo trentennio manca un forte aumento dei GPT alle latitudini polari rispetto al trentennio 1951-1980-


Secondo me i geopotenziali più alti in sedi latitudinali elevate tra i 50 e gli 80 stanno a segnare una più frequente presenza di anticicloni termici quale espansione della cappa artica


Alessandro Foiano [ Sab 12 Set, 2020 03:23 ]
Oggetto: Re: Monitoraggio Indici E Analisi Teleconnessioni/Stratosfera 2019-20
setra85 ha scritto: [Visualizza Messaggio]

Secondo me i geopotenziali più alti in sedi latitudinali elevate tra i 50 e gli 80 stanno a segnare una più frequente presenza di anticicloni termici quale espansione della cappa artica


Frequenti eventi improvvisi di riscaldamento della stratosfera polare invernale nel trentennio 1951-1980, in particolare Canadian Warming ben 16 CW tra il 1951 e il 1980, invece soltanto 5 CW tra il 1981 e il 2010.

Ricordo a tutti che il freddo inverno 1962/63 segui ad un CW in Novembre 1962:

https://www.geo.fu-berlin.de/en/met...pole/index.html




Powered by Icy Phoenix