Confronto Schermi Solari »  Mostra messaggi da    a     

Linea Meteo


Strumenti meteo - Confronto Schermi Solari



gladio70 [ Dom 14 Giu, 2020 12:04 ]
Oggetto: Confronto Schermi Solari
buongiorno , mi chiedevo se qualcuno di voi fa confronti tra schermi solari o stazioni meteo , sarebbe bello metterli tutti in un post , per confrontare vedere le varie configurazioni ecc ecc ,... io ormai li faccio da parecchio tempo , e sono davvero molto interessanti si capiscono tante cose che a volte sfuggono , intanto vi posto il confronto di ieri ,e la postazione meteo dove sono posizionati gli schermi ,
104226381-265155128069738-1802417583672912673-n
gli schermi sono sul tetto e orientati a SW , la postazione è formata da 1 schermo meteoshield pro 1davis 7714 2 auto costruiti passivi che poi piu' avanti approfondiremo come sono fatti,la ws80 per il momento non c'è, i sensori usati sono wh ecowitt e dp50 froggit , che poi sono la stessa cosa ,

graficimeteo-del-13-06-2020

scost-media-min-max-del-13-06-2020


andrea75 [ Dom 14 Giu, 2020 12:18 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
Ci sono diversi topic in cui si tratta l'argomento qui in Strumenti Meteo, per lo più aperti e gestiti da Green63.

Dai un'occhiata a questi tanto per iniziare:
http://www.lineameteo.it/schermi-so...f2-vt16147.html

http://www.lineameteo.it/nuovo-test...f2-vt15760.html

http://www.lineameteo.it/nuovo-sche...f2-vt15821.html

http://www.lineameteo.it/sovrastima...f2-vt14633.html

http://www.lineameteo.it/sensorpush...f2-vt14588.html

Insomma, di materiale ce n'è abbastanza...
Il fatto di riunirli in un topic unico, beh, sarebbe una buona idea. Il problema più grande è proprio quello che ultimamente green63, che sarebbe il miglior candidato per aiutarmi/aiutarci in questo tipo di lavoro, non riesce ad essere più molto presente.
Ma se vuoi iniziare in qualche modo a fare un po' di ordine, magari radunando le informazioni di cui sopra, puoi farlo pure in piena autonomia.


gladio70 [ Dom 14 Giu, 2020 12:21 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
andrea75 ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Ci sono diversi topic in cui si tratta l'argomento qui in Strumenti Meteo, per lo più aperti e gestiti da Green63.

Dai un'occhiata a questi tanto per iniziare:
http://www.lineameteo.it/schermi-so...f2-vt16147.html

http://www.lineameteo.it/nuovo-test...f2-vt15760.html

http://www.lineameteo.it/nuovo-sche...f2-vt15821.html

http://www.lineameteo.it/sovrastima...f2-vt14633.html

http://www.lineameteo.it/sensorpush...f2-vt14588.html

Insomma, di materiale ce n'è abbastanza...

ottimo ,,, avevo cercato , ma mica li trovavo lo puoi togliere allora mi sposto di la


green63 [ Dom 14 Giu, 2020 15:29 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
ringrazio Andrea per le gentili parole, nonostante avrebbe tutti i diritti per essere arrabbiato con me non lo fa trasparire, a conferma ulteriore, qualora fosse necessario, delle grandi doti umane del Presidente

Posso promettere di migliorare la mia partecipazione, finalmente credo di aver risolto le problematiche relative al lavoro, è stato difficile riuscire a non essere tra i molti che hanno lasciato abbassate le serrande gettando la spugna, ed è un risultato frutto di un grande lavoro, che ha impegnato per mesi le mie forze, peraltro deboli ultimamente vuoi per l'età vuoi per un certo aggravamento di un problema articolare per il quale ho bisogno di un intervento abbastanza impegnativo.

Finiti i piagnistei, farò del mio meglio, sperando che la stanza strumenti sia nel frattempo cresciuta, ultimamente avevo notato una certa tendenza, da parte di alcuni, a denigrare un certo approccio, la ricerca di performance sempre migliori, un cercare di comunicare velatamente "ma che te frega di due decimi?? ma lascia stà, tanto sulle medie mensili che conta?"

Grazie
Mauro


andrea75 [ Dom 14 Giu, 2020 16:55 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
Nessun problema Mauro. Ci mancherebbe che mi arrabbio se non riesci a partecipare come vorresti... piuttosto mi dispiace, quello sì.
Oltretutto non credo ci siano stati particolari atteggiamenti denigratori nei tuoi confronti, anzi, di solito ho sempre notato apprezzamenti e complimenti per quello che fai. Ma nel caso ci fossero stati mi spiace non averli notati e stigmatizzati come sarebbe stato giusto fare. Ti consiglio tuttavia di lasciar correre... perché spesso prendersela non vale nemmeno la pena.


green63 [ Lun 15 Giu, 2020 08:58 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
andrea75 ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Nessun problema Mauro. Ci mancherebbe che mi arrabbio se non riesci a partecipare come vorresti... piuttosto mi dispiace, quello sì.
Oltretutto non credo ci siano stati particolari atteggiamenti denigratori nei tuoi confronti, anzi, di solito ho sempre notato apprezzamenti e complimenti per quello che fai. Ma nel caso ci fossero stati mi spiace non averli notati e stigmatizzati come sarebbe stato giusto fare. Ti consiglio tuttavia di lasciar correre... perché spesso prendersela non vale nemmeno la pena.


Grazie Boss

M


gladio70 [ Gio 09 Lug, 2020 15:39 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
salve, visto che l'ho aperta questa discussione , vi mostro i miei confronti in atto , prima di tutto la postazione attuale106489659_729145641203255_4755959544386318300_n , i confronti sono tra meteoshield pro e lastem , in questi schermi sto usando i nuovi sensori a sonda sht35 della ecowitt 104124093_872107323284307_4923287019605843280_n
poi confronto il davis con il lastem , (nel davis c'è un wh31 modificato sht30) ed infine davis con ws80
1) grafici_meteo_del_08_07_2020_forum_1594301780_238851 scost_medie_max_min_del_08_07_2020_1594301786_645072
2) davis-lastem confronto_davis_lastem_del_08_07_2020 scost_medie_max_min_del_08_07_2020_1594301838_177216
3) confronto_davis_ws80_del_08_07_2020 scost_medie_max_min_del_08_07_2020
bene per qualsiasi chiarimento, non esitate a chiedere


Freddoforever [ Gio 09 Lug, 2020 20:39 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
Quanto costa il Lastem e come è all'interno a livello di spazio?


gladio70 [ Gio 09 Lug, 2020 20:46 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
Ciao , il lastem è piccolo , ma funziona bene , costa 130 euro + iva e spedizione, guarda il disegno per le dimensioni


gladio70 [ Ven 10 Lug, 2020 22:16 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
dati di oggi confronto met pro-lastem-ws80
grafici_meteo_del_10_10_2020_forum scost_medie_max_min_del_10_10_2020_forum


Freddoforever [ Sab 11 Lug, 2020 08:40 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
gladio70 ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Ciao , il lastem è piccolo , ma funziona bene , costa 130 euro + iva e spedizione, guarda il disegno per le dimensioni


Pensavo costasse come il Davis,a livello di prestazioni dai grafici da te postati si inserisce tra quest'ultimo e il Barani,peccato sia abbastanza piccolo all' interno e non possa ospitare sensori più voluminosi.


gladio70 [ Sab 11 Lug, 2020 08:47 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
Sì è un compromesso tra il Davis ed il Barani , è stretto non si può mettere i sensori a scatoletta, a meno che non sia di dimensioni piccole, è nato per i sensori a sonda , però se si fa qualche modifica ai sensori ,eliminando l'involucro o cose del genere si può adattare ,


Dic96 [ Lun 13 Lug, 2020 09:59 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
Buongiorno. Ho avuto due stazioni meteo (La Crosse) e in entrambe ho costruito lo schermo manualmente (passivo), utilizzando dei sottovasi.

Nel primo caso la stazione era collocata su tetto e ha sempre fatto il suo bel lavoro: dati corretti con areazione a 360 gradi.

Nel secondo caso invece, in giardino, ho riscontrato uno scostamento terribile con le Davis collocate a pochi chilometri: con soleggiamento estivo registravo persino 4 gradi in più degli altri! E lo schermo è sempre quello...

Mi confermate che l’unica motivazione può essere l’installazione? Siamo a due metri d’altezza con suolo erboso in giardino ricco di piante/siepi. Non avrei mai mai mai creduto che per avere dati così falsati bastasse mettersi in giardino leggermente riparato, ma comunque piuttosto ampio! Però a cos’altro potrei imputare questo “fallimento”??? È l’unica spiegazione, lo schermo, ripeto, è costruito come tanti altri...


Freddoforever [ Lun 13 Lug, 2020 15:20 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
Dic96 ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Buongiorno. Ho avuto due stazioni meteo (La Crosse) e in entrambe ho costruito lo schermo manualmente (passivo), utilizzando dei sottovasi.

Nel primo caso la stazione era collocata su tetto e ha sempre fatto il suo bel lavoro: dati corretti con areazione a 360 gradi.

Nel secondo caso invece, in giardino, ho riscontrato uno scostamento terribile con le Davis collocate a pochi chilometri: con soleggiamento estivo registravo persino 4 gradi in più degli altri! E lo schermo è sempre quello...

Mi confermate che l’unica motivazione può essere l’installazione? Siamo a due metri d’altezza con suolo erboso in giardino ricco di piante/siepi. Non avrei mai mai mai creduto che per avere dati così falsati bastasse mettersi in giardino leggermente riparato, ma comunque piuttosto ampio! Però a cos’altro potrei imputare questo “fallimento”??? È l’unica spiegazione, lo schermo, ripeto, è costruito come tanti altri...


Potrebbe dipendere anche dal tipo di esposizione al sole ed eventuale maggiore o minore ombreggiamento ma anche in quale punto del giardino si trova la stazione,per esempio io ho la stazione in un punto rognoso in quanto c'è un mix tra forte soleggiamento,poca ventilazione,esposizione solo a sud e muretti in cemento che la fanno sovrastimare risolto parzialmente con una palpebra ombreggiante,purtroppo non posso spostarla da li se non sul tetto.


green63 [ Lun 13 Lug, 2020 15:22 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
Dic96 ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Buongiorno. Ho avuto due stazioni meteo (La Crosse) e in entrambe ho costruito lo schermo manualmente (passivo), utilizzando dei sottovasi.

Nel primo caso la stazione era collocata su tetto e ha sempre fatto il suo bel lavoro: dati corretti con areazione a 360 gradi.

Nel secondo caso invece, in giardino, ho riscontrato uno scostamento terribile con le Davis collocate a pochi chilometri: con soleggiamento estivo registravo persino 4 gradi in più degli altri! E lo schermo è sempre quello...

Mi confermate che l’unica motivazione può essere l’installazione? Siamo a due metri d’altezza con suolo erboso in giardino ricco di piante/siepi. Non avrei mai mai mai creduto che per avere dati così falsati bastasse mettersi in giardino leggermente riparato, ma comunque piuttosto ampio! Però a cos’altro potrei imputare questo “fallimento”??? È l’unica spiegazione, lo schermo, ripeto, è costruito come tanti altri...


Ciao,
più correttamente direi che la motivazione è lo schermo e non la posizione, quest'ultima è solo la causa scatenante che evidenzia problemi di schermatura
in alto, a tetto, con ventilazione presumibilmente sempre ben presente, lo schermo, seppure non efficace, riesce a smaltire il calore interno e restituire un dato "presumibilmente" vicino al reale
in giardino, a 2 mt da terra, la ventilazione naturale è già di per se nettamente inferiore, la presenza di ostacoli, piante e siepi, non fa che aggravare la situazione
un buon schermo solare scherma bene in tutte le condizioni, con le ovvie differenze dettate dal posizionamento, a 10 mt dal suolo le temperature minime sono sempre più elevate rispetto a 2 mt dal suolo, e le massime inferiori, anche in maniera apprezzabile

Mauro


gladio70 [ Lun 13 Lug, 2020 16:32 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
Dic96 ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Buongiorno. Ho avuto due stazioni meteo (La Crosse) e in entrambe ho costruito lo schermo manualmente (passivo), utilizzando dei sottovasi.

Nel primo caso la stazione era collocata su tetto e ha sempre fatto il suo bel lavoro: dati corretti con areazione a 360 gradi.

Nel secondo caso invece, in giardino, ho riscontrato uno scostamento terribile con le Davis collocate a pochi chilometri: con soleggiamento estivo registravo persino 4 gradi in più degli altri! E lo schermo è sempre quello...

Mi confermate che l’unica motivazione può essere l’installazione? Siamo a due metri d’altezza con suolo erboso in giardino ricco di piante/siepi. Non avrei mai mai mai creduto che per avere dati così falsati bastasse mettersi in giardino leggermente riparato, ma comunque piuttosto ampio! Però a cos’altro potrei imputare questo “fallimento”??? È l’unica spiegazione, lo schermo, ripeto, è costruito come tanti altri...

ciao , tralasciamo per il momento lo schermo , ma passando dal tetto a 2 metri dal terreno è normale avere una temperatura piu' alta , poi mettici che sul tetto lo schermo prendeva piu' vento rispetto da dove sta adesso , ed il vento per le schermature ha un'importanza molto significativa 4 gradi sono tanti , ma possibili in determinate situazioni .... ma non prenderei per certi confronti con stazioni "vicine" dovresti vedere dove sono collocate (tetto . a terra a che altitudine ecc ecc ) infine c'è da considerare la bontà in termini di prestazioni del tuo auto costruito quindi è davvero difficile capire quale sia il giusto compromesso non avendo punti di riferimento certi


Dic96 [ Lun 13 Lug, 2020 19:53 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
Grazie a tutti per il contributo, risponderò generico a tutti senza citare alcun post.

Se è da imputare allo schermo mi chiedo: gli autocostruiti coi sottovasi, allora, sono inaffidabili? Ho seguito la procedura manuale classica ma se devo avere scostamenti di 4 gradi e non di 0,4 devo pensare che gli autocostruiti vadano banditi, altro che tutorial su come realizzarli



All’amico qui sopra rispondo che parlavo di due autocostruti con egual metodo ma in due località diverse. Quello sul tetto era performante l’altro no. A parte ciò i +4 sono certezza, purtroppo, avendo verificato l’esposizione di davis vicine, che reputo perfetta (in campi più aperti) e senza autocostruzioni...


green63 [ Lun 13 Lug, 2020 21:30 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
Dic96 ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Grazie a tutti per il contributo, risponderò generico a tutti senza citare alcun post.

Se è da imputare allo schermo mi chiedo: gli autocostruiti coi sottovasi, allora, sono inaffidabili? Ho seguito la procedura manuale classica ma se devo avere scostamenti di 4 gradi e non di 0,4 devo pensare che gli autocostruiti vadano banditi, altro che tutorial su come realizzarli



All’amico qui sopra rispondo che parlavo di due autocostruti con egual metodo ma in due località diverse. Quello sul tetto era performante l’altro no. A parte ciò i +4 sono certezza, purtroppo, avendo verificato l’esposizione di davis vicine, che reputo perfetta (in campi più aperti) e senza autocostruzioni...


Ciao,
gli schermi autocotruiti, qualunque metodo si utilizzi per la loro costruzione, possono essere affidabilissimi o pessimi, il confine è molto sottile ma la differenza abnorme.
Il problema principale non è come si deve costruire ma l'approccio, che nella maggior parte dei casi, è sbagliato.
Non è possibile costruire uno schermo autocostruito e pretendere di ritenerlo affidabile se non si fa un raffronto in loco con uno schermo dalle prestazioni conosciute, non a 5 km di distanza, ma a 2 metri.

sensori allineati precedentemente, in maniera di conoscere il loro allineamento e, di conseguenza, l'incertezza di misura, poi si procede al confronto con il riferimento del quale, al contrario, si conoscono limiti e performance

questa è l'unica strada percorribile, oppure ci si accontenta sperando di aver fatto un buon lavoro

Mauro


gladio70 [ Lun 13 Lug, 2020 22:07 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
concordo in tutto con green , l'unico confronto che può essere preso in considerazione è quello fatto nella stessa postazione in loco, basta mettere gli schermi in confronto a 10 metri di distanza , e già si hanno differenze , figuriamoci a km di distanza
dati di oggi , oggi l'unico dato da guardare è il vento , con raffiche fino a 50 km/h
grafici_meteo_del_13_07_2020_forum scost_medie_max_min_del_13_07_2020_forum


Dic96 [ Lun 13 Lug, 2020 22:44 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
Vi ho già ringraziato per le risposte ma ora permettetemi un appunto.

A me francamente quest’ultima interpretazione sembra come girarci intorno, al problema.

Traduco cosa voglio dire: se una Davis a 2 km da me in linea d’aria fa 24 gradi e io ne faccio 28 (stessa quota e miglior collocazione), il mio schermo autocostruito in modo “canonico” (= attinente ai canoni) sta fallendo. Se un’altra stazione 250 mt più a valle fa 26 gradi è una conferma ulteriore.

Non serve la prova dell’affiancamento, che è facile da scrivere ma non da fare. Affermerei piuttosto: bisogna comprarsi la Davis (o una pari livello) con lo schermo bello e pronto!

A meno che il mio problema non sia di altra natura (e torniamo al giardino!)


green63 [ Lun 13 Lug, 2020 23:03 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
Dic96 ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Vi ho già ringraziato per le risposte ma ora permettetemi un appunto.

A me francamente quest’ultima interpretazione sembra come girarci intorno, al problema.

Traduco cosa voglio dire: se una Davis a 2 km da me in linea d’aria fa 24 gradi e io ne faccio 28 (stessa quota e miglior collocazione), il mio schermo autocostruito in modo “canonico” (= attinente ai canoni) sta fallendo. Se un’altra stazione 250 mt più a valle fa 26 gradi è una conferma ulteriore.

Non serve la prova dell’affiancamento, che è facile da scrivere ma non da fare. Affermerei piuttosto: bisogna comprarsi la Davis (o una pari livello) con lo schermo bello e pronto!

A meno che il mio problema non sia di altra natura (e torniamo al giardino!)


Anzi, grazie a te

personalmente non giro attorno al problema, il confronto con una stazione posta a 2 km non ha alcun valore, punto, può essere indicativa solo se le stazioni hanno medesimo posizionamento, medesima altezza da terra, o dal tetto, medesima ventilazione, medesima esposizione, restano ampi margini di errore ma si può tentare.

In effetti 4 gradi sono tanti, ma mi è capitato spessissimo di assistere a differenze simili a breve distanza, e sempre in estate.

La procedura di allineamento non è difficile da fare, piuttosto comporta dei costi e una notevole perdita di tempo.

il nocciolo del problema è se ci si accontenta o meno, mettere una vp2 non ti da alcuna garanzia, credimi, la mia vp2 passiva, in giardino, a 2 mt da terra, fronte mare, ottima ventilazione, non va così bene come si potrebbe pensare....

Mauro


Dic96 [ Mar 14 Lug, 2020 02:09 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
green63 ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Dic96 ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Vi ho già ringraziato per le risposte ma ora permettetemi un appunto.

A me francamente quest’ultima interpretazione sembra come girarci intorno, al problema.

Traduco cosa voglio dire: se una Davis a 2 km da me in linea d’aria fa 24 gradi e io ne faccio 28 (stessa quota e miglior collocazione), il mio schermo autocostruito in modo “canonico” (= attinente ai canoni) sta fallendo. Se un’altra stazione 250 mt più a valle fa 26 gradi è una conferma ulteriore.

Non serve la prova dell’affiancamento, che è facile da scrivere ma non da fare. Affermerei piuttosto: bisogna comprarsi la Davis (o una pari livello) con lo schermo bello e pronto!

A meno che il mio problema non sia di altra natura (e torniamo al giardino!)


Anzi, grazie a te

personalmente non giro attorno al problema, il confronto con una stazione posta a 2 km non ha alcun valore, punto, può essere indicativa solo se le stazioni hanno medesimo posizionamento, medesima altezza da terra, o dal tetto, medesima ventilazione, medesima esposizione, restano ampi margini di errore ma si può tentare.

In effetti 4 gradi sono tanti, ma mi è capitato spessissimo di assistere a differenze simili a breve distanza, e sempre in estate.

La procedura di allineamento non è difficile da fare, piuttosto comporta dei costi e una notevole perdita di tempo.

il nocciolo del problema è se ci si accontenta o meno, mettere una vp2 non ti da alcuna garanzia, credimi, la mia vp2 passiva, in giardino, a 2 mt da terra, fronte mare, ottima ventilazione, non va così bene come si potrebbe pensare....

Mauro


Mauro non capisco perché continui a ripetere che il confronto non ha valore.

In una determinata zona c’è una rete meteo che parla un’unica lingua, esempio 26 gradi a 300 mslm, 24 gradi a 550 mslm, 19 gradi in quota ecc.

Se io registro 28 a 550 sono io il problema, senza se e senza ma. Conosco bene l’area di riferimento e la relativa conformazione morfologica, non ci sono 4 gradi reali di differenza. La ragione sta dalla parte di quelle davis e non dalla mia perché - ripeto - le davis convergono tutte insieme in un canto intonato (a scalare di quota). Quando ho visto quella stazione a 2 km da me ho subito pensato “che bel posizionamento, in campo erboso aperto e senza ostacoli”.

In ogni caso faccio tesoro di quello che mi hai detto in precedenza ovvero colpa allo schermo e non al giardino. Anche perché quando lo spazio è quello, tu in quanto meteoamatore puoi inventarti poco, non puoi allargarti la proprietà.


Freddoforever [ Mar 14 Lug, 2020 07:15 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
Io ti do parzialmente ragione sul fatto del confronto con le stazioni vicine,lo faccio anch'io ad esempio con alcune stazioni del CFR sono sugli stessi valori mentre con altre no,ma in effetti come dice Mauro ci si può fare affidamento ma fino ad un certo punto,ci sono tanti fattori e molte variabili da considerare.
Secondo me dato che hai due sensori uguali l'unica cosa è prenderti uno schermo tipo il 7714 o altri e confrontarlo con l'autocostruito,magari sia sul tetto che sul giardino.


green63 [ Mar 14 Lug, 2020 14:57 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
Dic96 ha scritto: [Visualizza Messaggio]
green63 ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Dic96 ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Vi ho già ringraziato per le risposte ma ora permettetemi un appunto.

A me francamente quest’ultima interpretazione sembra come girarci intorno, al problema.

Traduco cosa voglio dire: se una Davis a 2 km da me in linea d’aria fa 24 gradi e io ne faccio 28 (stessa quota e miglior collocazione), il mio schermo autocostruito in modo “canonico” (= attinente ai canoni) sta fallendo. Se un’altra stazione 250 mt più a valle fa 26 gradi è una conferma ulteriore.

Non serve la prova dell’affiancamento, che è facile da scrivere ma non da fare. Affermerei piuttosto: bisogna comprarsi la Davis (o una pari livello) con lo schermo bello e pronto!

A meno che il mio problema non sia di altra natura (e torniamo al giardino!)


Anzi, grazie a te

personalmente non giro attorno al problema, il confronto con una stazione posta a 2 km non ha alcun valore, punto, può essere indicativa solo se le stazioni hanno medesimo posizionamento, medesima altezza da terra, o dal tetto, medesima ventilazione, medesima esposizione, restano ampi margini di errore ma si può tentare.

In effetti 4 gradi sono tanti, ma mi è capitato spessissimo di assistere a differenze simili a breve distanza, e sempre in estate.

La procedura di allineamento non è difficile da fare, piuttosto comporta dei costi e una notevole perdita di tempo.

il nocciolo del problema è se ci si accontenta o meno, mettere una vp2 non ti da alcuna garanzia, credimi, la mia vp2 passiva, in giardino, a 2 mt da terra, fronte mare, ottima ventilazione, non va così bene come si potrebbe pensare....

Mauro


Mauro non capisco perché continui a ripetere che il confronto non ha valore.

In una determinata zona c’è una rete meteo che parla un’unica lingua, esempio 26 gradi a 300 mslm, 24 gradi a 550 mslm, 19 gradi in quota ecc.

Se io registro 28 a 550 sono io il problema, senza se e senza ma. Conosco bene l’area di riferimento e la relativa conformazione morfologica, non ci sono 4 gradi reali di differenza. La ragione sta dalla parte di quelle davis e non dalla mia perché - ripeto - le davis convergono tutte insieme in un canto intonato (a scalare di quota). Quando ho visto quella stazione a 2 km da me ho subito pensato “che bel posizionamento, in campo erboso aperto e senza ostacoli”.

In ogni caso faccio tesoro di quello che mi hai detto in precedenza ovvero colpa allo schermo e non al giardino. Anche perché quando lo spazio è quello, tu in quanto meteoamatore puoi inventarti poco, non puoi allargarti la proprietà.


Hai ragione ed è necessario che io mi scusi con te, se vorrai

in un contesto climatico, o meglio microclimatico, il confronto con stazioni appartenenti alla propria area è una buona pratica, e serve a capire anche quanto possano influenzare le differenti orografie, il diverso posizionamento, il diverso comportamento in base a differenti condizioni meteorologiche.

Il mio discorso si spingeva un poco più in profondità, e più scientificamente collegato alla metrologia, se vuoi, ecco, in quel caso il raffronto con una stazione a 2 km di distanza ripeto non serve assolutamente a nulla, se voglio confrontare il mio schermo con altro schermo devo avere entrambi nello stesso luogo, stessa altezza, stessa esposizione, distanti non meno di 50 cm ma non più di 2 metri, con sensori di cui conosco esattamente gli scostamenti.

il raffronto di due schermature a 2 km di distanza è una perdita di tempo, equivale a non misurare nulla

4 gradi sono effettivamente tanti e sono la probabile sommatoria di uno schermo poco performante e un giardino parzialmente chiuso rispetto a un campo aperto, parlando in termini percentuali potrei stimare le colpe in 70% schermo, 30% posizionamento

Mauro


il versiliese [ Mar 14 Lug, 2020 16:18 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
Stimolato dall'argomento, ho preso in esame i dati odierni di 6 stazioni tutte ubicate nella stessa zona microclimatica(quella dove abito) e distanti tra loro al massimo 5 km ,ad una distanza dal mare massima di 2 km.

Ecco i dati delle mie 3 con vento a 21 km ora da SW
Al tetto Meteoshield pro minima 18,9 max.26,6.Davis 5 piatti minima 19 max. 26,9
In giardino 7714 minima 16,7 max. 27,2
La stazione di Viareggio che trovate anche in rete meteo ha segnato minima 17,1 max. 26,2
Ed ecco i dati di viareggio Lungomare (stazione CFR) minima 19,7 max. 25,1.
Infine Lido di camaiore anch'essa CFR minima 14 max 27,1.
Come si vede le massime presentano una differenza di 2,1 gradi,mentre clamoroso a mio avviso è il delta di 5,7 tra le minime spiegabile in parte col fatto che una è ubicata sul mare a qualche metro di altezza.


gladio70 [ Mar 14 Lug, 2020 16:32 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
il versiliese ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Stimolato dall'argomento, ho preso in esame i dati odierni di 6 stazioni tutte ubicate nella stessa zona microclimatica(quella dove abito) e distanti tra loro al massimo 5 km ,ad una distanza dal mare massima di 2 km.

Ecco i dati delle mie 3 con vento a 21 km ora da SW
Al tetto Meteoshield pro minima 18,9 max.26,6.Davis 5 piatti minima 19 max. 26,9
In giardino 7714 minima 16,7 max. 27,2
La stazione di Viareggio che trovate anche in rete meteo ha segnato minima 17,1 max. 26,2
Ed ecco i dati di viareggio Lungomare (stazione CFR) minima 19,7 max. 25,1.
Infine Lido di camaiore anch'essa CFR minima 14 max 27,1.
Come si vede le massime presentano una differenza di 2,1 gradi,mentre clamoroso a mio avviso è il delta di 5,7 tra le minime spiegabile in parte col fatto che una è ubicata sul mare a qualche metro di altezza.

ciao , basta guardare la minima delle tue stazioni . il davis sul tetto minima 19 davis in giardino 16,7 , differenza di 2.3 gradi , è per questo che fare un confronto con stazioni vicine ma a 2/3 km ha una valenza nulla , può essere solo una curiosità


Dic96 [ Mar 14 Lug, 2020 16:39 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
green63 ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Dic96 ha scritto: [Visualizza Messaggio]
green63 ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Dic96 ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Vi ho già ringraziato per le risposte ma ora permettetemi un appunto.

A me francamente quest’ultima interpretazione sembra come girarci intorno, al problema.

Traduco cosa voglio dire: se una Davis a 2 km da me in linea d’aria fa 24 gradi e io ne faccio 28 (stessa quota e miglior collocazione), il mio schermo autocostruito in modo “canonico” (= attinente ai canoni) sta fallendo. Se un’altra stazione 250 mt più a valle fa 26 gradi è una conferma ulteriore.

Non serve la prova dell’affiancamento, che è facile da scrivere ma non da fare. Affermerei piuttosto: bisogna comprarsi la Davis (o una pari livello) con lo schermo bello e pronto!

A meno che il mio problema non sia di altra natura (e torniamo al giardino!)


Anzi, grazie a te

personalmente non giro attorno al problema, il confronto con una stazione posta a 2 km non ha alcun valore, punto, può essere indicativa solo se le stazioni hanno medesimo posizionamento, medesima altezza da terra, o dal tetto, medesima ventilazione, medesima esposizione, restano ampi margini di errore ma si può tentare.

In effetti 4 gradi sono tanti, ma mi è capitato spessissimo di assistere a differenze simili a breve distanza, e sempre in estate.

La procedura di allineamento non è difficile da fare, piuttosto comporta dei costi e una notevole perdita di tempo.

il nocciolo del problema è se ci si accontenta o meno, mettere una vp2 non ti da alcuna garanzia, credimi, la mia vp2 passiva, in giardino, a 2 mt da terra, fronte mare, ottima ventilazione, non va così bene come si potrebbe pensare....

Mauro


Mauro non capisco perché continui a ripetere che il confronto non ha valore.

In una determinata zona c’è una rete meteo che parla un’unica lingua, esempio 26 gradi a 300 mslm, 24 gradi a 550 mslm, 19 gradi in quota ecc.

Se io registro 28 a 550 sono io il problema, senza se e senza ma. Conosco bene l’area di riferimento e la relativa conformazione morfologica, non ci sono 4 gradi reali di differenza. La ragione sta dalla parte di quelle davis e non dalla mia perché - ripeto - le davis convergono tutte insieme in un canto intonato (a scalare di quota). Quando ho visto quella stazione a 2 km da me ho subito pensato “che bel posizionamento, in campo erboso aperto e senza ostacoli”.

In ogni caso faccio tesoro di quello che mi hai detto in precedenza ovvero colpa allo schermo e non al giardino. Anche perché quando lo spazio è quello, tu in quanto meteoamatore puoi inventarti poco, non puoi allargarti la proprietà.


Hai ragione ed è necessario che io mi scusi con te, se vorrai

in un contesto climatico, o meglio microclimatico, il confronto con stazioni appartenenti alla propria area è una buona pratica, e serve a capire anche quanto possano influenzare le differenti orografie, il diverso posizionamento, il diverso comportamento in base a differenti condizioni meteorologiche.

Il mio discorso si spingeva un poco più in profondità, e più scientificamente collegato alla metrologia, se vuoi, ecco, in quel caso il raffronto con una stazione a 2 km di distanza ripeto non serve assolutamente a nulla, se voglio confrontare il mio schermo con altro schermo devo avere entrambi nello stesso luogo, stessa altezza, stessa esposizione, distanti non meno di 50 cm ma non più di 2 metri, con sensori di cui conosco esattamente gli scostamenti.

il raffronto di due schermature a 2 km di distanza è una perdita di tempo, equivale a non misurare nulla

4 gradi sono effettivamente tanti e sono la probabile sommatoria di uno schermo poco performante e un giardino parzialmente chiuso rispetto a un campo aperto, parlando in termini percentuali potrei stimare le colpe in 70% schermo, 30% posizionamento

Mauro


Mi piace come possibile verità. Complimenti per le spiccata gentilezza e la passione che metti nell’analisi dei vari strumenti


green63 [ Mar 14 Lug, 2020 16:45 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
Dic96 ha scritto: [Visualizza Messaggio]
green63 ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Dic96 ha scritto: [Visualizza Messaggio]
green63 ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Dic96 ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Vi ho già ringraziato per le risposte ma ora permettetemi un appunto.

A me francamente quest’ultima interpretazione sembra come girarci intorno, al problema.

Traduco cosa voglio dire: se una Davis a 2 km da me in linea d’aria fa 24 gradi e io ne faccio 28 (stessa quota e miglior collocazione), il mio schermo autocostruito in modo “canonico” (= attinente ai canoni) sta fallendo. Se un’altra stazione 250 mt più a valle fa 26 gradi è una conferma ulteriore.

Non serve la prova dell’affiancamento, che è facile da scrivere ma non da fare. Affermerei piuttosto: bisogna comprarsi la Davis (o una pari livello) con lo schermo bello e pronto!

A meno che il mio problema non sia di altra natura (e torniamo al giardino!)


Anzi, grazie a te

personalmente non giro attorno al problema, il confronto con una stazione posta a 2 km non ha alcun valore, punto, può essere indicativa solo se le stazioni hanno medesimo posizionamento, medesima altezza da terra, o dal tetto, medesima ventilazione, medesima esposizione, restano ampi margini di errore ma si può tentare.

In effetti 4 gradi sono tanti, ma mi è capitato spessissimo di assistere a differenze simili a breve distanza, e sempre in estate.

La procedura di allineamento non è difficile da fare, piuttosto comporta dei costi e una notevole perdita di tempo.

il nocciolo del problema è se ci si accontenta o meno, mettere una vp2 non ti da alcuna garanzia, credimi, la mia vp2 passiva, in giardino, a 2 mt da terra, fronte mare, ottima ventilazione, non va così bene come si potrebbe pensare....

Mauro


Mauro non capisco perché continui a ripetere che il confronto non ha valore.

In una determinata zona c’è una rete meteo che parla un’unica lingua, esempio 26 gradi a 300 mslm, 24 gradi a 550 mslm, 19 gradi in quota ecc.

Se io registro 28 a 550 sono io il problema, senza se e senza ma. Conosco bene l’area di riferimento e la relativa conformazione morfologica, non ci sono 4 gradi reali di differenza. La ragione sta dalla parte di quelle davis e non dalla mia perché - ripeto - le davis convergono tutte insieme in un canto intonato (a scalare di quota). Quando ho visto quella stazione a 2 km da me ho subito pensato “che bel posizionamento, in campo erboso aperto e senza ostacoli”.

In ogni caso faccio tesoro di quello che mi hai detto in precedenza ovvero colpa allo schermo e non al giardino. Anche perché quando lo spazio è quello, tu in quanto meteoamatore puoi inventarti poco, non puoi allargarti la proprietà.


Hai ragione ed è necessario che io mi scusi con te, se vorrai

in un contesto climatico, o meglio microclimatico, il confronto con stazioni appartenenti alla propria area è una buona pratica, e serve a capire anche quanto possano influenzare le differenti orografie, il diverso posizionamento, il diverso comportamento in base a differenti condizioni meteorologiche.

Il mio discorso si spingeva un poco più in profondità, e più scientificamente collegato alla metrologia, se vuoi, ecco, in quel caso il raffronto con una stazione a 2 km di distanza ripeto non serve assolutamente a nulla, se voglio confrontare il mio schermo con altro schermo devo avere entrambi nello stesso luogo, stessa altezza, stessa esposizione, distanti non meno di 50 cm ma non più di 2 metri, con sensori di cui conosco esattamente gli scostamenti.

il raffronto di due schermature a 2 km di distanza è una perdita di tempo, equivale a non misurare nulla

4 gradi sono effettivamente tanti e sono la probabile sommatoria di uno schermo poco performante e un giardino parzialmente chiuso rispetto a un campo aperto, parlando in termini percentuali potrei stimare le colpe in 70% schermo, 30% posizionamento

Mauro


Mi piace come possibile verità. Complimenti per le spiccata gentilezza e la passione che metti nell’analisi dei vari strumenti


ci mancherebbe e, ti prego, perdonami se ti sono apparso "bloccato" su un concetto, non volevo mancare di elasticità
purtroppo ho oramai la tendenza ad un approccio particolare, vuoi per colpa mia vuoi per le cattive frequentazioni con alcuni ricercatori in ambito metrologico e questo a volte può farmi apparire antipatico, lungi da me

grazie
Mauro


Freddoforever [ Mar 14 Lug, 2020 17:47 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
Sul discorso del raffronto con stazioni distanti ,vorrei proporre la stazione di Force (AP) del CFR,640 mt a 20 km circa in linea d'aria da qui,dato che per caratteristiche del posto é simile (assenza di inversione termica,distanza dal fondovalle,stazione al suolo) ebbene considerando la quota (65 metri circa)mi ritrovo giusto con quei 3/4 decimi di differenza,nei report mensili ho praticamente le stesse medie,ora sarà un caso ma i dati sono questi.


green63 [ Mar 14 Lug, 2020 18:11 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
Freddoforever ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Sul discorso del raffronto con stazioni distanti ,vorrei proporre la stazione di Force (AP) del CFR,640 mt a 20 km circa in linea d'aria da qui,dato che per caratteristiche del posto é simile (assenza di inversione termica,distanza dal fondovalle,stazione al suolo) ebbene considerando la quota (65 metri circa)mi ritrovo giusto con quei 3/4 decimi di differenza,nei report mensili ho praticamente le stesse medie,ora sarà un caso ma i dati sono questi.


Benissimo, sei fortunato ad avere un riferimento, peraltro ufficiale con medesime condizioni di installazione
È normale che poi le medie mensili siano simili, evidentemente la sovrastima a cui mi accennavi consente di avere dati sovrapponibili, meglio cos
Io di ufficiale ho solo falconara aeroporto ma con condizioni totalmente differenti, difatti non andiamo mai d'accordo

Mauro


Freddoforever [ Mar 14 Lug, 2020 19:40 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
green63 ha scritto: [Visualizza Messaggio]

evidentemente la sovrastima a cui mi accennavi consente di avere dati sovrapponibili, meglio cos

Mauro


La palpebra aiuta almeno in parte in realtà sto qualche decimo sopra per le massime e qualcosa sotto per le minime.


gladio70 [ Mar 14 Lug, 2020 22:09 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
giornata ancora caratterizzata dal vento forte di maestrale , questi i dati
grafici_del_14_07_2020 scost_medie_max_min_del_14_07_2020_forum


gladio70 [ Gio 16 Lug, 2020 15:26 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
dati del 15-07-2020 grafici_del_15_07_2020_forum scost_medie_max_min_del_15_07_2020_forum
quando il vento è basso e c'è forte radiazione solare , sono dolori per gli schermi , ed il distacco dal meteoshield pro aumenta poi riparte il vento e tutto torna nella normalità


Freddoforever [ Gio 16 Lug, 2020 15:52 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
Comunque la ws80 da tante comparazioni fatte è davvero scarsetta.....


gladio70 [ Gio 16 Lug, 2020 16:06 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
Freddoforever ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Comunque la ws80 da tante comparazioni fatte è davvero scarsetta.....

ha pregi e difetti , il vero problema è lo schermino che in determinate situazioni meteo (alta radiazione solare e ventilazione bassa) soffre pesantemente , dalla sua ha un'elevata reattività e l'anemometro ad ultrasuoni , se invece di quello schermino fanno una modifica e ci mettono uno schermo all'altezza diventa un'ottima stazione , considera poi che il prezzo quello è , se non si hanno molte aspettative , va piu' che bene , se guardi il confronto con il davis 7714 non credere che si discosta molto alla fine


green63 [ Gio 16 Lug, 2020 16:38 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
gladio70 ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Freddoforever ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Comunque la ws80 da tante comparazioni fatte è davvero scarsetta.....

ha pregi e difetti , il vero problema è lo schermino che in determinate situazioni meteo (alta radiazione solare e ventilazione bassa) soffre pesantemente , dalla sua ha un'elevata reattività e l'anemometro ad ultrasuoni , se invece di quello schermino fanno una modifica e ci mettono uno schermo all'altezza diventa un'ottima stazione , considera poi che il prezzo quello è , se non si hanno molte aspettative , va piu' che bene , se guardi il confronto con il davis 7714 non credere che si discosta molto alla fine


Confermo quanto detto da Ivano,
la ws80, in condizioni di installazione ben ventilata è in grado di dare filo da torcere ad una vp2 passiva, surclassandola per alcuni aspetti

Davis DEVE, necessariamente, provvedere ad un cambio radicale di alcuni contenuti tecnici, il mercato non è fermo

Mauro


Freddoforever [ Gio 16 Lug, 2020 20:31 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
green63 ha scritto: [Visualizza Messaggio]
gladio70 ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Freddoforever ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Comunque la ws80 da tante comparazioni fatte è davvero scarsetta.....

ha pregi e difetti , il vero problema è lo schermino che in determinate situazioni meteo (alta radiazione solare e ventilazione bassa) soffre pesantemente , dalla sua ha un'elevata reattività e l'anemometro ad ultrasuoni , se invece di quello schermino fanno una modifica e ci mettono uno schermo all'altezza diventa un'ottima stazione , considera poi che il prezzo quello è , se non si hanno molte aspettative , va piu' che bene , se guardi il confronto con il davis 7714 non credere che si discosta molto alla fine


Confermo quanto detto da Ivano,
la ws80, in condizioni di installazione ben ventilata è in grado di dare filo da torcere ad una vp2 passiva, surclassandola per alcuni aspetti


addirittura pensavo ci fosse più margine tra le due,se non altro per giustificare la differenza di prezzo non da poco......


gladio70 [ Gio 16 Lug, 2020 20:36 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
Freddoforever ha scritto: [Visualizza Messaggio]
green63 ha scritto: [Visualizza Messaggio]
gladio70 ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Freddoforever ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Comunque la ws80 da tante comparazioni fatte è davvero scarsetta.....

ha pregi e difetti , il vero problema è lo schermino che in determinate situazioni meteo (alta radiazione solare e ventilazione bassa) soffre pesantemente , dalla sua ha un'elevata reattività e l'anemometro ad ultrasuoni , se invece di quello schermino fanno una modifica e ci mettono uno schermo all'altezza diventa un'ottima stazione , considera poi che il prezzo quello è , se non si hanno molte aspettative , va piu' che bene , se guardi il confronto con il davis 7714 non credere che si discosta molto alla fine


Confermo quanto detto da Ivano,
la ws80, in condizioni di installazione ben ventilata è in grado di dare filo da torcere ad una vp2 passiva, surclassandola per alcuni aspetti


addirittura pensavo ci fosse più margine tra le due,se non altro per giustificare la differenza di prezzo non da poco......

Eheheheh questa è una lunga storia ma se lo dici in giro ti linciano


green63 [ Ven 17 Lug, 2020 11:51 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
Volendo approfondire un poco, per evitare messaggi sibillini, e mai come in questo caso sarebbero fuori luogo, rispondendo a Freddoforever

La ws80 è una stazioncina dalla doppia personalità, fondamentalmente potrebbe apparire un giocattolo, e il costo è piuttosto basso, ma ha dalla sua molte armi da giocare:

- l'anemometro funziona molto bene e i tempi di campionamento sono molto vicini a quelli della vp2
- il sensore di radiazione solare e UV non è assolutamente un sensore dedicato, a quel costo sarebbe improponibile pretenderlo, cosa che invece Davis offre, seppure a caro prezzo, ma, in qesto caso, è un vero sensore di radiazione solare. comunque il sensore della ws80, una volta eseguita una calibrazione iniziale, restituisce un valore mediamente affidabile, seppure "sporcato" da una certa nervosità nella curva dell'andamento, non certo regolare e quindi dettata probabilmente dal cambio di step degli algoritmi di calcolo
- il sensore di temperatura e umidità è un sht30 quindi appena inferiore al sht31 montato sulle recenti vp2 ma le differenze, nel range di nostro interesse, sono minime
- lo schermo solare è minuscolo, vagamente simile a quello della Vue, ma il sensore è stato posizionato in modo da avere una costante di tempo ridicola, quasi paragonabile al comportamento di un sensore in aria libera. questa scelta può, come in tutti i compromessi, dare vantaggi e svantaggi, tra i vantaggi vi è l'estrema reattività, che consente alla ws80 di rispondere quasi in tempo reale a ogni variazione di temperatura, che essa sia causata dal vento, da un cambio di radiazione etc
lo svantaggio conseguente è una curva di temperatura frastagliata, nervosa, a volte difficile da uniformare se non agendo sui dati grezzi, ma se andiamo a tirare le somme in un confronto....

questa è una giornata di Luglio, centrata nell'arco del giorno 10,00/24,00, con buona radiazione solaree e ventilazione che ha subito diverse variazioni nell'arco della giornata
premetto che in questo orario, tutte le stazioni sono correttamente esposte al sole, medesima altezza da terra, stessa esposizione a S

schermata_del_2020_07_17_11_22_35
schermata_del_2020_07_17_11_22_18

Possiamo definire distintamente alcune aree chiave:

Fase rossa - in questa fase vi è stata una ripida impennata della radiazione solare e la ws80 è la prima del lotto a far "sentire" al sensore tale cambiamento
Fase verde - in questa fase la radiazione solare ha i suoi massimi valori e segue il consueto andamento giornaliero, ebbene la ws80, seppure lontana dai Barani meteoshield, com'è ovvio che sia, riesce a far meglio della vp2, la ventilazione naturale, presente ma non elevata, consente alla ws80 di smaltire il calore all'interno dello schermo grazie alle sue modeste dimensioni, la vp2, con uno schermo molto più grande, necessita di ben più di 1/2 m/s
Fase celeste - in questa fase la radiazione solare si porta a 0, la ventilazione si fa ancora più debole, ora c'è da smaltire il calore accumulato durante le ore precedenti, la ws80 riesce a farlo velocemente tanto quanto i Meteoshield, la vp2 resta ancora a lungo su valori di temperatura decisamente più elevati
Fase nera - in questa fase si è verificato un deciso tracollo termico, anche in questo caso la vp2 è la più lenta a sentirlo e la conseguenza è immediatamente visibile nel valore di temperatura minima di giornata che risulta essere, per la vp2, superiore di 1/1,2° C rispetto agli altri sistemi di rilevamento

spero possa essere utile a farsi un'idea di questa stazioncina, a cui in verità tengo molto, avendo lavorato con l'azienda per quasi 8 mesi nelle fasi di test e miglioramento

Mauro


Gab78 [ Ven 17 Lug, 2020 13:36 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
Molto interessante il topic e altrettanto l'analisi di Mauro, come sempre!


gladio70 [ Ven 17 Lug, 2020 14:05 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
dati di ieri 16-07-2020 confronto davis 7714-lastem confronto_davis_lastem_del_16_07_2020 scost_medie_max_min_del_16_07_2020
confronto davis 7714-ws80 confronto_davis_ws80_del_16_07_2020_1594987541_510997 scost_medie_max_min_del_16_07_2020_1594987488_139787


green63 [ Ven 17 Lug, 2020 14:05 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
Gab78 ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Molto interessante il topic e altrettanto l'analisi di Mauro, come sempre!


Grazie Gabriele, sempre gentile, nonostante io sia letteralmente "sparito" dal forum, ma sto pian piano riavvicinandomi, sperando di essere perdonato per l'assenza.

L'analisi è forse crudele, ma rende l'idea di come Davis stia, a mio parere, perdendo importanti fette di mercato, osservavo la mappa Ecowitt del 2018, quando iniziai a collaborare con questa Azienda, ed eravamo in 2 in Italia

Mauro


Freddoforever [ Ven 17 Lug, 2020 16:47 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
green63 ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Volendo approfondire un poco, per evitare messaggi sibillini, e mai come in questo caso sarebbero fuori luogo, rispondendo a Freddoforever

La ws80 è una stazioncina dalla doppia personalità, fondamentalmente potrebbe apparire un giocattolo, e il costo è piuttosto basso, ma ha dalla sua molte armi da giocare:

- l'anemometro funziona molto bene e i tempi di campionamento sono molto vicini a quelli della vp2
- il sensore di radiazione solare e UV non è assolutamente un sensore dedicato, a quel costo sarebbe improponibile pretenderlo, cosa che invece Davis offre, seppure a caro prezzo, ma, in qesto caso, è un vero sensore di radiazione solare. comunque il sensore della ws80, una volta eseguita una calibrazione iniziale, restituisce un valore mediamente affidabile, seppure "sporcato" da una certa nervosità nella curva dell'andamento, non certo regolare e quindi dettata probabilmente dal cambio di step degli algoritmi di calcolo
- il sensore di temperatura e umidità è un sht30 quindi appena inferiore al sht31 montato sulle recenti vp2 ma le differenze, nel range di nostro interesse, sono minime
- lo schermo solare è minuscolo, vagamente simile a quello della Vue, ma il sensore è stato posizionato in modo da avere una costante di tempo ridicola, quasi paragonabile al comportamento di un sensore in aria libera. questa scelta può, come in tutti i compromessi, dare vantaggi e svantaggi, tra i vantaggi vi è l'estrema reattività, che consente alla ws80 di rispondere quasi in tempo reale a ogni variazione di temperatura, che essa sia causata dal vento, da un cambio di radiazione etc
lo svantaggio conseguente è una curva di temperatura frastagliata, nervosa, a volte difficile da uniformare se non agendo sui dati grezzi, ma se andiamo a tirare le somme in un confronto....

questa è una giornata di Luglio, centrata nell'arco del giorno 10,00/24,00, con buona radiazione solaree e ventilazione che ha subito diverse variazioni nell'arco della giornata
premetto che in questo orario, tutte le stazioni sono correttamente esposte al sole, medesima altezza da terra, stessa esposizione a S



Possiamo definire distintamente alcune aree chiave:

Fase rossa - in questa fase vi è stata una ripida impennata della radiazione solare e la ws80 è la prima del lotto a far "sentire" al sensore tale cambiamento
Fase verde - in questa fase la radiazione solare ha i suoi massimi valori e segue il consueto andamento giornaliero, ebbene la ws80, seppure lontana dai Barani meteoshield, com'è ovvio che sia, riesce a far meglio della vp2, la ventilazione naturale, presente ma non elevata, consente alla ws80 di smaltire il calore all'interno dello schermo grazie alle sue modeste dimensioni, la vp2, con uno schermo molto più grande, necessita di ben più di 1/2 m/s
Fase celeste - in questa fase la radiazione solare si porta a 0, la ventilazione si fa ancora più debole, ora c'è da smaltire il calore accumulato durante le ore precedenti, la ws80 riesce a farlo velocemente tanto quanto i Meteoshield, la vp2 resta ancora a lungo su valori di temperatura decisamente più elevati
Fase nera - in questa fase si è verificato un deciso tracollo termico, anche in questo caso la vp2 è la più lenta a sentirlo e la conseguenza è immediatamente visibile nel valore di temperatura minima di giornata che risulta essere, per la vp2, superiore di 1/1,2° C rispetto agli altri sistemi di rilevamento

spero possa essere utile a farsi un'idea di questa stazioncina, a cui in verità tengo molto, avendo lavorato con l'azienda per quasi 8 mesi nelle fasi di test e miglioramento

Mauro


Ottima spiegazione Mauro se non avessi visto i grafici non ci avrei creduto,mi stupisce che la vp2 "soffra" così,con la versione ventilata sicuramente se la giocherebbe molto meglio,ma a che prezzo....


gladio70 [ Sab 18 Lug, 2020 20:41 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
dati di oggi 18-07-2020 grafici_del_18_07_2020_forum scost_medie_max_min_del_18_07_2020_forum giornata nervosa oggi , parecchie nuvole e vento sostenuto da nord , ho apportato una modifica in postazione 109792817_321728238846818_8311769988273935439_n 109933041_326621545397108_3142815245258587510_n
il verde è meglio del grigio scuro sotto i sensori


gladio70 [ Dom 19 Lug, 2020 19:23 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
dati del 18-07-2020 grafici_del_18_07_2020_forum_1595179391_891533 scost_medie_max_min_del_18_07_2020_forum_1595179398_470756


gladio70 [ Dom 19 Lug, 2020 21:55 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
dati di oggi 19-07-2020 temperatura_solar_del_19_07_2020_forum
scostementi_wind_gust_del_19_07_2020_forum scostamento_lastem_medie_max_min_del_19_07_2020_forum


gladio70 [ Mar 21 Lug, 2020 09:57 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
dati del 20/07/2020 grafici_meteo_del_20_07_2020_forum scost_wind_gust_del_20_07_2020_forum scost_medie_max_min_del_20_07_2020_forum
confronto davis7714-lastem confronto_davis_lastem_del_20_07_2020 scost_medie_max_min_del_20_07_2020
confronto davis7714-ws80 confronto_davis_ws80_del_20_07_2020 scost_ws80_wind_gust_del_20_07_2020 scost_medie_max_min_del_20_07_2020_1595318168_146227 giornata ventosa , ma è utile vedere anche in queste circostanze come si comportano i vari schermi


gladio70 [ Gio 23 Lug, 2020 21:31 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
dati oggi 23-07-2020 grafici_meteo_del_23_07_2020_forum scost_wind_gust_del_23_07_2020_forum scost_medie_max_min_del_23_07_2020_forum
giornata molto calda con una massima di 33.7 , ma sempre con l'immancabile vento da nord , a quanto pare sarà una costante per una decina di giorni altri comunque il lastem in queste condizioni mi piace come va con uno scostamento medio di 0.38 decimi non è male , ma sono soddisfatto anche della ws80 che fa la sua bella figura soffre un pò la mattina , ma poi si riprende bene


gladio70 [ Ven 24 Lug, 2020 12:13 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
confronto davis-lastem del 23-07-2020 confronto_davis_lastem_del_23_07_2020 scost_medie_max_min_del_23_07_2020
confronto davis-ws80 del 23-07-2020
confronto_davis_ws80_del_23_07_2020 scost_wind_gust_del_23_07_2020 scost_medie_max_min_del_23_07_2020_1595585565_228389 ottima radiazione solare e tanto caldo ottimo comportamento della ws80 - il lastem va molto meglio come è giusto che sia


gladio70 [ Gio 30 Lug, 2020 09:42 ]
Oggetto: Re: Confronto Schermi Solari
aggiungo ai confronto il mio nuovo auto costruito 116244986_965456917228281_8906161742972175445_n
116348884_937761943394825_7022115637885982697_n
dai primi confronti sembra andare davvero bene grafici_meteo_del_29_07_2020 scostamenti_win_gustdel_29_07_2020 scost_medie_max_min_del_29_07_2020
ieri giornata idonea per testare gli schermi , alta radiazione solare vento debole 7 km/h di media e tanto caldo massima 34.7°




Powered by Icy Phoenix