Linea Meteo :: Guida ai Modelli: come interpretare i modelli matematici
Autore andrea75 Data Mer 18 Mag, 2011 11:28 Visite 34679
Parole Chiave
Descrizione Una raccolta di nozioni per leggere e capire le carte meteo più diffuse nel web

Valutazioni 10/10, 4 voto(i)
Contenuti

1 - GUIDA AI MODELLI METEOROLOGICI


Guida ai Modelli: come interpretare i modelli matematici 

GUIDA AI MODELLI METEOROLOGICI

Una raccolta di nozioni per leggere e capire le carte meteo più diffuse nel web


di Andrea Giglietti
(documento liberamente tradotto da risorse varie disponibili gratuitamente in rete)

images-q-tbn-and9gcs7eeg4oeb2mk-sb1wmporhkcqdi9ghb-ykw-9ggl4b3ms0un06ng


INTRODUZIONE

Chi spesso capita in questo sito, o in altri siti dedicati alla meteorologia, si sarà spesso domandato cosa significassero quelle strane sigle, acronimi terminologie o indici scritti nei vari topic o nei vari articoli, come hPa, GPT, CAPE, per non parlare di spaghi, velocità verticali, punti di rugiada e così via. Altri saranno invece rimasti senza parole davanti ad una carta con tante strane frecce, colori e numeri.
In questa piccola guida, e ci teniamo a sottolineare piccola, illustreremo a grandi linee il significato di alcune tipologie di carte che i principali modelli matematici diffondono nei propri siti, e che semrpe più spesso vengono utilizzati da centri previsionali o semplici appassionati nei siti e forum meteorologici di tutto il mondo.
In questo articolo, tenteremo di rendere più accessibile l'interpretazione delle carte derivate dai modelli meteorologici. Infatti, gli articoli o FAQ che permettono di apprendere semplicemente come analizzare i modelli sono piuttosto rari in rete, se comparati con il numero di manuali teorici disponibili nei vari siti meteo. Tuttavia, i modelli sono oggi oggetti indispensabili per prevedere il tempo (ma anche le basi teoriche lo sono ovviamente). Si raccomanda pertanto di possedere un minimo di basi in meteorologia per poter proseguire nella lettura di questo articolo (la struttura generale di una depressione, i fronti, il jet-stream... ecc.).
In questo insieme di FAQ, si utilizzeranno soprattutto le carte analizzate dal modello GFS (modello globale americano). Questo per un semplice motivo: perchè è attualmente il modello che propone il numero maggiore di carte gratuite sulla grande rete di Internet, carte del resto indipensabili per ogni previsore più o meno amatoriale. Tuttavia, le spiegazioni fornite qui di seguito possono ovviamente essere applicate anche ai diversi modelli che propongono gli stessi tipi di carte.
Nell'indice che trovate qui sopra, è riportato un elenco delle carte che cercheremo di apprendere nel modo più dettagliato possibile.

Prima di iniziare l'analisi delle carte, è necessario conoscere alcune particolarità. Avete potuto osservare che i parametri meteorologici sono a volte descritti ad un certo livello: ad esempio 850, 700, 500 e 300hPa. Occorre sapere che questi livelli corrispondono in realtà ad altitudini. Infatti, si sa che la pressione diminuisce più o meno regolarmente man mano che ci si alza (viene perso circa 1hPa per ogni aumento di 8m). In media, l'altitudine di una superficie isobara (ad esempio 500hPa) resta costante (si parla d'atmosfera standard). Ci si può dunque aiutare all'inizio con una tabella di corrispondenza tra pressione ed altitudine:

1013hPa=Livello del mare
900hPa=990m
850hPa=1460m
800hPa=1950m
700hPa=3000m
600hPa=4200m
500hPa=5500m
400hPa=7200m
300hPa=9200m
250hPa=10400m (livello medio della tropopausa)
200hPa=12000m


Oltre, si entra nella stratosfera, e questo strato dell'atmosfera per il momento non ci interessa, poiché i fenomeni meteorologici si situano tra il suolo ed la tropopausa (~10000/11000m).
Vai a 1, ,