Pagina 1 di 2
Vai a 1, 2  Successivo
 

Messaggio Tarquinia 1987: quando la meteo estrema si alleò all'archeologia.

#1  burjan Lun 05 Ago, 2013 23:01

Tarquinia (in etrusco Tarchna) fu una delle città più importanti dell’Etruria. Tutti la conoscono per le sue straordinarie tombe dipinte: almeno 200 monumenti che costituiscono un patrimonio mondiale dell’umanità, tutelato dall’UNESCO.

 leopard2

La città conobbe il suo massimo splendore fra il VII ed il IV secolo a.C., quando costituì una vera metropoli mediterranea, in grado di giocare un ruolo di primo piano sulla scena politica internazionale. Vuole la leggenda che il suo leggendario fondatore, Tarconte, abbia appreso i rudimenti dell’alfabeto e della scienza divinatoria dal genio Tagete, e che quindi la città li abbia trasmessi a tutta la nazione.

In rapporto con Roma fin da epoca molto antica, diede a questa città la dinastia dei re Etruschi (Tarquinio Prisco, Servio Tullio e Tarquinio il Superbo) che svolse un ruolo di primaria importanza nella storia della città latina (fine del VII e VI secolo a.C.). L’aristocrazia tarquiniese traeva certamente  la sua ricchezza dal commercio mediterraneo su larga scala, tramite il suo porto di Gravisca,  ma soprattutto dalle grandi estensioni cerealicole dell’entroterra. Dopo ripetuti violenti scontri, fu sottomessa da Roma nel 308 a C. e decadde lentamente.

Nel Medioevo essa rinacque su un colle vicino. L’insediamento assunse il nome di Corgneto e divenne un magnifico borgo, cinto da una splendida cerchia muraria, che possiamo ammirare ancora oggi; le bellezze della città medievale reggono il confronto con quelle della città antica.

Tarquinia etrusca è famosa nel mondo per la bellezza delle sue tombe dipinte, e per gli straordinari corredi che gli archeologi vi hanno reperito, sin dal XIX secolo. Le necropoli si estendono per vastissime superfici sui rilievi intorno al colle della Civita, sede della città antica. La più famosa è senz’altro quella dei Monterozzi, di gran lunga la più visitata dai turisti, posta proprio lungo la strada che porta a Tuscania. Le pitture più belle possono essere viste però al Museo Archeologico Nazionale, dove sono state collocate dopo il distacco, effettuato per preservarle dai danni dell’umidità.

 tarquinia_tomba_degli_aui

Già: può sembrare strano, per chi visita la città in questi assolati giorni di Agosto, e mira sbigottito un paesaggio quasi lunare di terreni aridissimi e stoppie ingiallite. Ma qui, a due passi da un mare profondissimo, una vera fabbrica di perturbazioni, quando piove, piove di brutto. Alla fine di Ottobre del 1987, piovve così tanto da dilavare il terreno di una collina, scavando ampi calanchi e mettendo a nudo centinaia di nuove tombe, almeno una delle quali di eccezionale valore storico, artistico e documentario.

L’alluvione viene scatenata da una classica bomba d’acqua, fatta di aria caldo-umida di matrice subtropicale.
La confluenza con aria più fresca di provenienza nordoccidentale fece calare le temperature di circa 10 gradi in tre giorni.

 rrea00219871028

 rrea00219871029

 rrea00219871030

 rrea00219871031  

 rrea00119871029

 rrea00119871030

 rrea00119871031_1375732888_698220

L'impulso perturbato viaggiò sull'onda delle correnti sud-occidentali e raccolse una enorme quantità di umidità, che scaricò appena giunto sull'entroterra. Veramente impressionanti i dati degli accumuli registrati il 30 ottobre 1987 sulle stazioni del Viterbese: 155 mm. Valentano, addirittura 238 Canino, 95 San Lorenzo Nuovo, 175 Marta, 156 Tuscania e, infine, 196 mm. Tarquinia.

Quale sconquasso potè determinare quell'immensa massa d'acqua su terreni già di per sè polverosi, instabili e denudati ce lo dicono, ancora oggi, a quasi trent'anni di distanza dall'evento, le foto satellitari. I pendii si calanchizzarono, decine di centimetri di suolo vennero semplicemente rimossi.

 tarquinia

L'alluvione riuscì a svolgere, in un solo giorno, il lavoro di una generazione di archeologi. Il poggio che sorge vicino al Cimitero di Tarquinia, a poche centinaia di metri dalle tombe dipinte della Necropoli dei Monterozzi, venne letteralmente scavato, per una superficie di oltre 20 ettari. Quando i proprietari si recarono sul fondo (detto Carraccio Rogani) per verificare i danni, rimasero stupefatti. Erano state riportate alla luce numerosissime, alcune centinaia di tombe etrusche, appartenenti alle più svariate tipologie: a fossa, a cassettoni, ma anche a camera, nel più tradizionale stile tarquiniese.  

Per comprendere quante tombe e quanto materiale siano stati riportati alla luce, basti pensare che gli scavi d'emergenza, immediatamente intrapresi, durarono fino al 1990 ed attendono ancora un'organica pubblicazione.

Al Museo Archeologico Nazionale di Tarquinia è però possibile visualizzare alcuni reperti. Fra questi, il più commovente è senz'altro la tomba di due adolescenti, due giovanissimi guerrieri, uniti insieme in vita probabilmente da una saldissima amicizia, o forse anche da uno di quei legami omosessuali all'epoca ampiamente tollerati. Erano stati colti insieme dalla morte e pietosamente sepolti insieme, in un'unica fossa, con un unico corredo. Ai piedi di entrambi, una sottile cavigliera di filo d'argento, ornamento di cui nel mondo etrusco si ignorava sino a quel momento l'utilizzo.

 immagine_1375736659_685853

Si ringrazia per la cortese collaborazione  il Museo Archeologico Nazionale di Tarquinia.
 



 
Ultima modifica di burjan il Mar 06 Ago, 2013 07:48, modificato 4 volte in totale 
avatar
italia.png burjan Sesso: Uomo
Luisito
Contributor
Contributor
Socio Sostenitore
 
Utente #: 5
Registrato: 16 Apr 2005

Età: 53
Messaggi: 8497
72 Punti

Preferenza Meteo: Freddofilo

Stazione Meteo: LaCrosse WS2350

Località: Foligno - periferia sud - 219 m.s.l.m

  Condividi
  • Torna in cima Vai a fondo pagina
 


Messaggio Re: Tarquinia 1987: quando la meteo estrema si alleò all'archeologia.

#2  andrea75 Lun 05 Ago, 2013 23:26

Una ricostruzione incredibile... perfetta... e come sempre precisa e ricca di dettagli. Che dire... spettacolare!!! Me la sono letta tutta di un fiato"
Grazie per la condivisione Luis!

P.S.: invito gli amici che frequentano i forum della Tuscia a segnalare (come link, ovvio) questo topic di Luisito, perché immagino che apprezzeranno di sicuro il prezioso lavoro.
 




____________
Facebook: lineameteo - Twitter: @lineameteo

big

Stazione meteo di San Mariano (PG)
Dati meteo in tempo reale
http://sanmariano.lineameteo.it
 
avatar
italia.png andrea75 Sesso: Uomo
Andrea
Presidente
Presidente
 
Utente #: 2
Registrato: 31 Mar 2005

Età: 44
Messaggi: 42106
194 Punti

Preferenza Meteo: Freddofilo

Stazione Meteo: LaCrosse WS2300

Località: San Mariano (PG) - 290 mt.

  Condividi
  • Torna in cima Vai a fondo pagina
 

Messaggio Re: Tarquinia 1987: quando la meteo estrema si alleò all'archeologia.

#3  riccardodoc80 Lun 05 Ago, 2013 23:54

Un grandissimo applauso a Luisito per la bellissmima ricostruzione e un grazie per avermi fatto scoprire delle cose di Tarquinia che ancora non conoscevo.  

Ogni settimana nei mesi estivi percorro nei fine settimana quella piccola stradina che costeggia proprio le "nuove" tombe fino al cimitero per arrivare al lido dove ho casa; un po' perché é una scorciatoia per arrivare al paese evitando il traffico estivo  ma soprattutto perché offre un bellissimo panorama con gli ingressi alle tombe immersi (nel vero senso della parola) tra campi e colline.

Che sia stato un evento meteorologico a far riapparire quelle tombe non lo sapevo, anche se proprio l'anno scorso ho approfittato di una domenica di pioggia per rivisitare il sito archeologico, e sicuramente farò caso alla morfologia del terreno la prossima settimana quando tornerò al mare.
Purtroppo non son stato di recente al museo etrusco all'interno delle mura cittadine (ero troppo piccolo per ricordare)....ma lo farò molto presto.

Tarquinia é un piccolo gioiello Italiano da visitare; solo da pochi anni dedico parte del mio tempo libero estivo per scoprire la sua storia e le sue meraviglie ed ogni volta mi sorprende.

Grazie Luisito del Topic!  
 




____________
Sito: http://www.meteocappuccini.it

big

Facebook: lineameteo - Twitter: @lineameteo
 
avatar
italia.png riccardodoc80 Sesso: Uomo
riccardo
Contributor
Contributor
Staff Rete Meteo
Socio Sostenitore
 
Utente #: 54
Registrato: 08 Mag 2005

Età: 40
Messaggi: 6954
50 Punti

Preferenza Meteo: Indifferente

Stazione Meteo: Davis Vantage Pro2

Località: Orte (VT) (233m)

  Condividi
  • Torna in cima Vai a fondo pagina
 

Messaggio Re: Tarquinia 1987: quando la meteo estrema si alleò all'archeologia.

#4  Francesco Mar 06 Ago, 2013 08:17

Grandissimo Luisito!!!!

Prima o poi metto insieme tutti i tuoi racconti e ci faccio un meteo-history sito!!!

Mitico!!!  
 




____________
*************************************
Consulenze informatiche.
www.it-next.it
www.perugiameteo.it

Facebook: lineameteo - Twitter: @lineameteo
 
avatar
indonesia.png Francesco Sesso: Uomo
Francesco
Vice Presidente
Vice Presidente
 
Utente #: 3
Registrato: 31 Mar 2005

Età: 46
Messaggi: 12771
238 Punti

Preferenza Meteo: Freddofilo

Stazione Meteo: LaCrosse WS2350

Località: Perugia - Conservoni - 550 mt.

  Condividi
  • Torna in cima Vai a fondo pagina
 

Messaggio Re: Tarquinia 1987: Quando La Meteo Estrema Si Alleò All'archeologia.

#5  and1966 Mar 06 Ago, 2013 09:15

Lusito é quel che si dice "una cima". Non fermatevi a LM, ma estendete la conoscenza anche alle chicche che piazza su FB, se non lo avete ancora fatto !!!!!
 




____________
" Intra Tupino e l'acqua che discende
del Colle Eletto dal beato Ubaldo,
fertile costa d'alto monte pende........" Dante, Paradiso XI
 
avatar
blank.gif and1966 Sesso: Uomo
Moderatore
Moderatore
 
Utente #: 364
Registrato: 02 Feb 2008

Età: 53
Messaggi: 10305
196 Punti

Preferenza Meteo: Freddofilo

Stazione Meteo: Nessuna

Località: Mariano C. (CO) - 260 slm / Sigirino - Canton Ticino (SVI) - 400 slm

  Condividi
  • Torna in cima Vai a fondo pagina
 

Messaggio Re: Tarquinia 1987: Quando La Meteo Estrema Si Alleò All'archeologia.

#6  Mat Mar 06 Ago, 2013 09:24

Magnifico Burjan!  
 




____________
"Vincitore è l'uomo che non ha rinunciato ai propri sogni"
N. Mandela

"La meteorologia è una scienza inesatta, che elabora dati incompleti, con metodi discutibili per fornire previsioni inaffidabili"
A. Baroni

...metti a folle...
 
avatar
italia.png Mat Sesso: Uomo
Matteo
Guru
Guru
 
Utente #: 157
Registrato: 15 Mar 2006

Età: 43
Messaggi: 5352
54 Punti

Preferenza Meteo: Indifferente

Stazione Meteo: Irox Pro-X2

Località: Terrioli di Corciano (250 m.s.l.m) - PG

  Condividi
  • Torna in cima Vai a fondo pagina
 

Messaggio Re: Tarquinia 1987: Quando La Meteo Estrema Si Alleò All'archeologia.

#7  Frasnow Mar 06 Ago, 2013 09:36

Grandissimo      
 




____________
big

La meteorologia è una scienza inesatta,che elabora dati incompleti,con metodi discutibili per fornire previsioni inaffidabili. Andrea Baroni
 
avatar
italia.png Frasnow Sesso: Uomo
Francesco
Guru
Guru
Socio Ordinario
 
Utente #: 510
Registrato: 19 Gen 2009

Età: 26
Messaggi: 13523
418 Punti

Preferenza Meteo: Caldofilo

Stazione Meteo: Altro

Località: Beroide,223 m.s.l.m., Spoleto (PG)

  Condividi
  • Torna in cima Vai a fondo pagina
 

Messaggio Re: Tarquinia 1987: quando la meteo estrema si alleò all'archeologia.

#8  marvel Mar 06 Ago, 2013 14:09

Grazie Luisito per questo splendido topic!  

Tra l'altro l'evento alluvionale dell'87 ci fa capire anche come questi splendidi tesori archeologici del passato siano stati sepolti per secoli o millenni, a volte sotto metri e metri di terra.
Nel caso da te descritto è andata diversamente, le acque hanno dilavato la terra accumulatasi in precedenza su quella zona, ma probabilmente i sedimenti erano stati depositati proprio li da altri fenomeni simili, solo che, magari, i fiumi erano meno canalizzati e liberi di esondare su zone più estese, ricoprendole di sedimenti sabbiosi.
Pensate a quanti straripamenti, frane e altri fenomeni simili, possano accadere in due millenni e mezzo... metri e metri di sabbia, fango e detriti che vanno coprendo quello che l'uomo, all'epoca, non aveva certo voglia di dissotterrare, visto che poi le esigenze prioritarie erano ben altre, quelle per la sopravvivenza...
E così, generazione dopo generazione, quello che all'inizio era sotto la vista di chiunque, viene nascosto e dimenticato... finché, un bel giorno, un archeologo o, come in questo caso, un diluvio improvviso ti va a tirare fuori artefatti antichi ben conservati, dimenticati dal tempo. Una vera e propria seconda nascita per queste opere.
 
 




____________
"La mente è come un paracadute. Funziona solo se si apre" - Albert Einstein

Webcam: Conca Ternana
 
Ultima modifica di marvel il Mar 06 Ago, 2013 14:12, modificato 2 volte in totale 
avatar
italia.png marvel Sesso: Uomo
Contributor
Contributor
 
Utente #: 17
Registrato: 17 Apr 2005

Età: 49
Messaggi: 9141
61 Punti

Preferenza Meteo: Indifferente

Stazione Meteo: PCE-FWS 20

Località: San Gemini, Valleantica (TR) - 180 m slm

  Condividi
  • Torna in cima Vai a fondo pagina
 

Messaggio Re: Tarquinia 1987: Quando La Meteo Estrema Si Alleò All'archeologia.

#9  icchese Mar 06 Ago, 2013 18:28

Grande LUISITO!    
 




____________
"Dio provede ma n'careggia"
www.gubbiometeo.it
 
avatar
italia.png icchese Sesso: Uomo
Contributor
Contributor
 
Utente #: 201
Registrato: 03 Nov 2006

Età: 56
Messaggi: 2538
52 Punti

Preferenza Meteo: Freddofilo


Località: GUBBIO 490 m

  Condividi
  • Torna in cima Vai a fondo pagina
 

Messaggio Re: Tarquinia 1987: Quando La Meteo Estrema Si Alleò All'archeologia.

#10  bagnaianeve-78 Mar 06 Ago, 2013 18:58

Articolo molto interessante penso che quel diluvio abbia fatto la fortuna e la ricchezza di molti abitanti del posto
 



 
Novizio
Novizio
 
Utente #: 1072
Registrato: 20 Set 2011

Età: 42
Messaggi: 57
50 Punti

Preferenza Meteo: Freddofilo


Località: Bagnaia (VT) - 480 mt slm

  Condividi
  • Torna in cima Vai a fondo pagina
 

Messaggio Re: Tarquinia 1987: quando la meteo estrema si alleò all'archeologia.

#11  burjan Mar 06 Ago, 2013 21:21

Grazie a tutti voi per i complimenti. Mi rallegra il fatto che abbiate apprezzato il mio lavoro.
 




____________
E' incredibile quanto sappia di morte la natura, in Estate (C.Pavese)
 
avatar
italia.png burjan Sesso: Uomo
Luisito
Contributor
Contributor
Socio Sostenitore
 
Utente #: 5
Registrato: 16 Apr 2005

Età: 53
Messaggi: 8497
72 Punti

Preferenza Meteo: Freddofilo

Stazione Meteo: LaCrosse WS2350

Località: Foligno - periferia sud - 219 m.s.l.m

  Condividi
  • Torna in cima Vai a fondo pagina
 

Messaggio Re: Tarquinia 1987: Quando La Meteo Estrema Si Alleò All'archeologia.

#12  Gab78 Mer 07 Ago, 2013 14:18

Magnifico articolo!    E pensare che ho visitato sia Tuscania che Tarquinia in gita scolastica... Purtroppo però, quando hai nove anni, non puoi capire a fondo la straordinarietà di certe cose...    Grazie Luisito!
 




____________
I Appennino...

L'istante di un ricordo accarezza l'anima...
 
avatar
italia.png Gab78 Sesso: Uomo
Gabriele
Guru
Guru
Socio Sostenitore
 
Utente #: 874
Registrato: 30 Ott 2010

Età: 42
Messaggi: 8467
232 Punti

Preferenza Meteo: Indifferente

Stazione Meteo: Davis Vantage Vue e Oregon Scientific Generica

Località: San Giovanni Profiamma - 270 m s.l.m. - frazione di Foligno (PG)

  Condividi
  • Torna in cima Vai a fondo pagina
 

Messaggio Re: Tarquinia 1987: Quando La Meteo Estrema Si Alleò All'archeologia.

#13  Poranese457 Mer 07 Ago, 2013 15:43

Gab78 ha scritto: [Visualizza Messaggio]
Magnifico articolo!    E pensare che ho visitato sia Tuscania che Tarquinia in gita scolastica... Purtroppo però, quando hai nove anni, non puoi capire a fondo la straordinarietà di certe cose...    Grazie Luisito!



anche perchè, a conti fatti, ci sei andato proprio nel 1987  
 




____________
small

*** "beh forse con meno apericena e più motoseghe sentireste meno freddo" ***[daredevil, in risposta al clima "godibile" del Giugno 2019]


Facebook: lineameteo
 
Socio Fondatore
Socio Fondatore
 
Utente #: 197
Registrato: 29 Ott 2006

Età: 34
Messaggi: 38414
477 Punti

Preferenza Meteo: Freddofilo

Stazione Meteo: Davis Vantage Pro2

Località: Porano (TR), 457m slm - Umbria occidentale

  Condividi
  • Torna in cima Vai a fondo pagina
 

Messaggio Re: Tarquinia 1987: Quando La Meteo Estrema Si Alleò All'archeologia.

#14  prometeo Mer 07 Ago, 2013 16:41

Complimenti Luisito
 




____________
Le medie non sono altro che un tentativo della mente umana di dare un ordine ad un sistema che per natura sua è disordinato
www.perugiameteo.it
 
avatar
italia.png prometeo Sesso: Uomo
Guru
Guru
 
Utente #: 31
Registrato: 21 Apr 2005

Età: 44
Messaggi: 6087
316 Punti

Preferenza Meteo: Freddofilo

Stazione Meteo: PCE-FWS 20

Località: PONTE SAN GIOVANNI/RIVOTORTO

  Condividi
  • Torna in cima Vai a fondo pagina
 

Messaggio Re: Tarquinia 1987: quando la meteo estrema si alleò all'archeologia.

#15  burjan Dom 22 Set, 2013 16:03

http://www.corriere.it/cultura/13_s...91794bc4d.shtml
 




____________
E' incredibile quanto sappia di morte la natura, in Estate (C.Pavese)
 
avatar
italia.png burjan Sesso: Uomo
Luisito
Contributor
Contributor
Socio Sostenitore
 
Utente #: 5
Registrato: 16 Apr 2005

Età: 53
Messaggi: 8497
72 Punti

Preferenza Meteo: Freddofilo

Stazione Meteo: LaCrosse WS2350

Località: Foligno - periferia sud - 219 m.s.l.m

  Condividi
  • Torna in cima Vai a fondo pagina
 


Pagina 1 di 2
Vai a 1, 2  Successivo


NascondiQuesto argomento è stato utile?
Condividi Argomento
Segnala via email Facebook Twitter Windows Live Favorites MySpace del.icio.us Digg SlashDot google.com LinkedIn StumbleUpon Blogmarks Diigo reddit.com Blinklist co.mments.com
technorati.com DIGG ITA linkagogo.com meneame.net netscape.com newsvine.com yahoo.com Fai Informazione Ok Notizie Segnalo Bookmark IT fark.com feedmelinks.com spurl.net
Inserisci un link per questo argomento
URL
BBCode
HTML