Un po' di nuove tasse e norme per il 2007.......


Titolo: Un po' di nuove tasse e norme per il 2007.......
PERSONE E FAMIGLIE

1. Irpef più cara. Nuova curva Irpef dal gennaio 2007:
Fino a 15mila euro aliquota del 23%;
da 15.001 a 28mila 27%;
da 28.001 a 55.000 38%;
da 55.001 a 70.000 41%;
oltre 70mila 43%.
I dipendenti pagano di più a partire da 40mila euro, gli autonomi da 30mila.

2. Detrazioni invece che deduzioni. Le deduzioni di lavoro dipendente, pensione, lavoro autonomo e altri redditi sono sostituite da detrazioni. Penalizzate le famiglie: i coniugi devono dividerle al 50%.

3. Addizionale comunale. I comuni possono aumentare l’addizionale Irpef.

4. Imposta di scopo. I Comuni possono istituire da gennaio 2007 un nuovo tributo per favorire investimenti nel territorio comunale, come la creazione di infrastrutture.

5. Donazioni. Ripristinata l’imposta: vale lo stesso regime delle successioni.

6. Spese mediche. Stretta sulle detrazioni per spese mediche: ai fini della deduzione la spesa sanitaria relativa all’acquisto di medicinali deve essere certificata da fattura o da scontrino fiscale contenente la specificazione della natura, qualità e quantità dei beni e l’indicazione del codice fiscale del destinatario. In passato per alcune spese bastava un normale scontrino fiscale che indicasse il bene acquistato, ad esempio lenti a contatto monouso. Adesso, con questa inutile complicazione in più, molti rinunceranno a detrarre le spese sostenute.

7. Ricetta medica. Da gennaio, per le prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale, gli assistiti non esenti sono tenuti al pagamento di una quota fissa sulla ricetta di 10 euro. Una nuova tassa sulla salute.

8. Ticket. Per le prestazioni erogate dal pronto soccorso ospedaliero non seguite da ricovero codificate da codice bianco si paga un ticket di 23 euro, con codice verde 41 euro. Come fa il cittadino a sapere, prima di andare al pronto soccorso, se il suo è un problema urgente o no?

9. Esami clinici da pagare. I cittadini, anche esenti, che non ritirano i risultati di visite o esami diagnostici o di laboratorio sono tenuti al pagamento per intero della prestazione usufruita.

10. Intrattenimento. Si interviene sul regime tributario degli apparecchi da intrattenimento. Si stima, dal 2006 al 2008, un maggior gettito di 48 milioni. Punire chi gioca!

11. Tassa sui voli. Incremento dell’addizionale sui diritti di imbarco sugli aeromobili pari a 50 centesimi a passeggero finalizzato a ridurre il costo a carico dello Stato del servizio antincendio negli aeroporti. Biglietti aerei più cari.

12. Passaporti più cari. Innalzata a 75 euro la tariffa dovuta per il rilascio del visto per il soggiorno e per il transito sul territorio italiano a cittadini di Paesi non appartenenti all’area Schengen.

13. Stangata sul risparmio. Nuova aliquota sul rendimento dei titoli (Bot, azioni, fondi): il prelievo sale al 20%.

14. Dividendi più tassati. Chi acquisisce un contratto di "pronti contro termine" ha diritto al credito di imposta sui dividendi solo se il diritto sarebbe spettato al cedente.

15. Sigarette più care. Anche per il 2007 si potrà intervenire sull’aliquota di base della tassazione sui tabacchi lavorati con un decreto dell’Amministrazione autonoma monopoli di Stato. Incasso previsto: 100 milioni.

CASA

16. Più tasse sulla vendita di case. L’imposta sostitutiva sulle plusvalenze derivanti dalla cessione di fabbricati e di terreni acquistati o costruiti da non più di cinque anni viene innalzata dal 12,5% al 20%.

17. Ici nella dichiarazione. Obbligo di indicare nel modello di dichiarazione, nella parte relativa ai redditi da fabbricati, i dati identificativi di ogni immobile dichiarato (indirizzo, dati catastali indicando foglio, sezione, particella, subalterno). Un inutile obbligo burocratico.

18. Nuovo catasto. Sarà aggiornato il catasto dei terreni. In particolare, potranno emergere sia immobili non censiti dal catasto e che sono stati edificati negli anni, sia la diversa destinazione di immobili (palazzi, ville) ancora accatastati come fabbricati rurali ma oggi adibiti ad abitazioni.

19. Cambiano le rendite. Per le attività commerciali in immobili di categoria B (collegi, ricoveri, caserme, musei) vengono aggiornati i valori catastali: previsto un aumento del 40%.

20. Tasse ipotecarie. Modificate le aliquote sulle imposte ipotecarie e catastali.

21. Immobili in leasing. Viene esteso anche agli immobili oggetto di contratti di leasing la disposizione della legge Bersani. Ai fini della determinazione del costo dei fabbricati deve essere dedotto il costo delle aree occupate dalla costruzione e di quelle che ne costituiscono pertinenza. Quindi il credito Iva sarà inferiore.

22. Ipoteca e catasto. L’eventuale riutilizzazione a fini commerciali dei dati ipotecari e catastali può avvenire solo da parte di soggetti autorizzati dall’Agenzia del territorio, dopo aver corrisposto i tributi previsti.

23. Calamità. Allargamento dell’obbligo di assicurazione, per la copertura dei rischi derivanti da calamità naturali, sui fabbricati destinati a qualunque uso.

24. Condono marittimo. Previsto il recupero degli indennizzi pregressi degli ultimi 5 anni delle occupazioni a qualunque titolo irregolari e il recupero degli indennizzi pregressi degli ultimi 10 anni a valori di mercato relativi a immobili non regolari costruiti su demanio marittimo.

AUTOMOBILE

25. Bollo auto più caro. Aumento della tassa di possesso dei veicoli di potenza superiore ai 100 Kw (136 cv). Colpite le vetture medie. Aumento anche per le vetture Euro 0 e Euro 1 (le più vecchie).

26. Bollo auto sempre più caro. Regioni e province autonome che sforano il patto di stabilità devono automaticamente applicare la tassa automobilistica con aumento di 5 punti rispetto alle tariffe vigenti.

27. Bollo moto più caro. Aumenta il bollo per le moto "euro zero" che viene portato a 26 euro esclusi i ciclomotori. Sale anche la tassa di circolazione dei motocicli con potenza superiore agli 11 kw sempre "euro zero" che per ogni kw cresce di 1,70 euro.

28. Stangata sull’auto aziendale. Sale la tassazione dell’auto aziendale: una stangata che andrà da 700 a mille euro l’anno per 2 milioni di piccole imprese. La nuova disposizione avrà effetto retroattivo, a partire da gennaio 2006.

29. Auto dei disabili. Stretta sulle autovetture dei disabili. I benefici fiscali riconosciuti solo se i mezzi vengono utilizzati esclusivamente o prevalentemente a beneficio dei disabili. Decadenza dalle agevolazioni se l’auto viene rivenduta prima di due anni (la decadenza comporta l’obbligo di versare l’Iva risparmiata, pari al 16%, la detrazione Irpef eventualmente fruita e le tasse automobilistiche non corrisposte). Sei disabile, non cambi l’auto.

30. Benzina più cara. Regioni e province autonome che sforano il patto di stabilità interno applicheranno automaticamente l’imposta regionale sulla benzina nella misura dello 0,0258 euro con efficacia dal 15 luglio.

31. Gasolio più caro. L’aliquota di accisa sul gasolio aumenta a quota 416 euro ogni mille litri di prodotto.

32. Biocarburanti più cari. Eliminata l’esenzione dell’accisa per il biodiesel, sostituendola con un’aliquota ridotta al 20%.

33. Pedaggi più cari. Nuovo sovrapprezzo istituito sulle tariffe di pedaggio autostradale per gli adeguamenti delle tratte.

34. Motorizzazione più cara. Da gennaio un decreto del ministero dei Trasporti stabilirà un incremento delle tariffe applicabili per operazioni in materia di motorizzazione. Incasso previsto: 45 milioni.

35. Patente a punti più cara. Chi non denuncia chi guidava l’auto, al momento dell’infrazione, paga una sanzione da 250 a mille euro.

36. Trascrizione più cara. Per ridurre l’indebitamento le Province possono aumentare del 5% l’imposta provinciale di trascrizione (che si paga al momento dell’acquisto dell’auto) per i pagamenti a decorrere dal 1° luglio.

IMPRESE

37. Perdite fiscali. Eliminato il limite di 8 anni entro cui riportare le perdite verificatesi nei primi tre periodi di imposta introdotto con la manovra bis. Sparisce la possibilità di usufruire di crediti fiscali.

38. Tfr. Prelievo da parte dello Stato del flusso di Tfr dalle casse delle aziende con più di 50 dipendenti, nel caso in cui il lavoratore non scelga di destinare la liquidazione ai fondi pensione.

39. Autonomi. Prevista la revisione degli studi di settore, introdotti nel 1998: operazione che in futuro dovrà avvenire con cadenza triennale.

40. Autonomi/2. Una norma transitoria consente già dal periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2006 l’utilizzo di specifici indicatori di normalità economica, idonei a individuare ricavi, compensi e corrispettivi attribuibili al contribuente. Retroattiva quindi, all’insaputa delle partite Iva.

41. Autonomi/3. Per chi apre nuove società, con riferimento al primo periodo d’imposta di esercizio dell’attività, sono definiti appositi indicatori di coerenza per la individuazione dei requisiti minimi di continuità dell’impresa.

42. Autonomi/4. Con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate, da emanare entro il 28 febbraio 2007, sono approvati indicatori specifici anche per settori economicamente omogenei.

43. Autonomi/5. Elevata la sanzione amministrativa per infedele dichiarazione in caso di accertamento da studi di settore, quando il contribuente non indichi in modo corretto le informazioni.

44. Contributi. Adeguamento delle aliquote contributive per le gestioni degli artigiani e dei commercianti: dal 1° gennaio 2007 sono fissate a quota 19,5%, dal 1° gennaio 2008 al 20 per cento.

45. Contributi/2. Per i lavoratori dipendenti le aliquote sono incrementate dal 1° gennaio 2007 dello 0,3% per la quota del lavoratore.

46. Contributi/3. Dal 2007 fissata al 23% l’aliquota della gestione separata Inps per i lavoratori autonomi che esercitano attività professionale o di collaborazione per i non assicurati presso altre gestioni e del 16% per gli altri iscritti.

47. Contributi/4. Salgono al 10% le aliquote dovute dai datori di lavoro per gli apprendisti artigiani e non artigiani.

48. Contributi/5. Aumenti in seguito alla norma interpretativa delle disposizioni in materia di determinazione della retribuzione pensionabile nei casi in cui, in conseguenza di accordi internazionali, sia avvenuto il trasferimento agli enti previdenziali italiani di contributi versati a enti di Paesi esteri.

49. Condono lavorativo. Per favorire l’emersione del lavoro irregolare, l’imprenditore può riallineare contributi e retribuzione, versando una somma pari ai due terzi della contribuzione dovuta.

50. Condono lavorativo/2. L’imprenditore che vuole trasformare il co.co.co in dipendente è obbligato a versare un contributo straordinario integrativo di una somma pari alla metà della quota di contribuzione.

51. Irap in rialzo. Prorogato anche agli anni successivi al 2006 l’incremento automatico delle aliquote di addizionale Irpef e della maggiorazioni Irap che scatta in caso di disavanzo regionale non coperto.

52. Più garanzie per l’Iva. Aumentano le garanzie per i depositi fiscali ai fini dell’Iva.

53. Iva sull’energia. Ristretto il campo di applicazione dell’Iva agevolata applicata all’energia termica proveniente da combustione di idrocarburi.

54. Imposta pubblicitaria. Introdotta una franchigia per l’applicazione dell’imposta comunale sulla pubblicità delle insegne di esercizio.

55. Canoni pubblicitari. Abrogata la disposizione che stabilisce che la tariffa del canone per l’autorizzazione all’installazione dei mezzi pubblicitari non deve eccedere di oltre il 25% le tariffe stabilite per l’imposta comunale sulla pubblicità deliberate nell’anno precedente. Possono aumentare.

56. Canoni demaniali. Prevista la riclassificazione di aree, manufatti, pertinenze e specchi d’acqua nelle zone marittime, da parte delle Regioni.

57. Tassa sui Tir. Un Dpcm stabilirà a quali tratte stradali di rilievo nazionale e autostradale applicare il nuovo sistema di tariffazione previsto da una direttiva Ue in attesa di recepimento, relativa alla tassazione a carico di autoveicoli pesanti adibiti al trasporto di merci su strada per l’uso di alcune infrastrutture.

58. Sponsor sportivi. Giro di vite sulle sponsorizzazioni degli sportivi. Viene esteso ai contratti pubblicitari l’obbligo delle società di calcio di inviare per via telematica all’Agenzia delle entrate i dati sui compensi percepiti dai calciatori.

59. Opere pubbliche. Eliminata la possibilità per le imprese concessionarie della costruzione e dell’esercizio di opere pubbliche di dedurre in meno di 5 esercizi le spese sostenute per ripristino e sostituzione dei beni gratuitamente devolvibili allo scadere della concessione, che eccedono l’ammontare del relativo fondo accantonato.

60. Export. I costi di garanzia per il fondo rotativo a favore delle imprese italiane che esportano possono essere addebitati ai beneficiari dei finanziamenti stessi, cioè alle imprese.

VARIE

61. Imposta di bollo. Rimodulazione e arrotondamento delle imposte di bollo. La commissione potrebbe salire fino al 3 per cento. Minimo fissato a un euro.

62. Tassa di soggiorno. I Comuni possono deliberare l’istituzione di un contributo di soggiorno, a carico dei soggetti non residenti che alloggiano temporaneamente in alberghi, campeggi, villaggi turistici, agriturismi e simili situati nel territorio comunale. La misura massima del contributo è di 5 euro per notte.

63. Cara riscossione. Pieni poteri alla Riscossione spa, che caricherà "l’aggio", cioè la commissione, dell’incasso dei tributi al contribuente.

64. Reverse charge. Meccanismo del reverse charge (inversione del carico del pagamento) esteso alle cessioni di immobili effettuate in Italia, nei confronti dei cessionari soggetti passivi d’imposta, da parte di imprenditori tenuti all’applicazione dell’Iva che hanno esercitato opzione in tal senso. Meccanismo esteso anche alla cessione di pc e di apparecchiature terminali per il servizio pubblico radiomobile terrestre.

Titolo: Re: Un Po' Di Nuove Tasse E Norme Per Il 2007.......
E non è finita qui....

Titolo: Re: Un po' di nuove tasse e norme per il 2007.......
PERSONE E FAMIGLIE

1. Irpef più cara. Nuova curva Irpef dal gennaio 2007:
Fino a 15mila euro aliquota del 23%;
da 15.001 a 28mila 27%;
da 28.001 a 55.000 38%;
da 55.001 a 70.000 41%;
oltre 70mila 43%.
I dipendenti pagano di più a partire da 40mila euro, praticamente sono solo i dirigenti che ci rimettono, gli altri ci guadagnano gli autonomi da 30mila.

2. Detrazioni invece che deduzioni. Le deduzioni di lavoro dipendente, pensione, lavoro autonomo e altri redditi sono sostituite da detrazioni. Penalizzate le famiglie: i coniugi devono dividerle al 50%. La somma è la stessa, perché sarebbero penalizzate le famiglie?

3. Addizionale comunale. I comuni possono aumentare l’addizionale Irpef. A parole un tempo eravamo tutti federalisti. Quando bisogna metter mano alla saccoccia...

4. Imposta di scopo. I Comuni possono istituire da gennaio 2007 un nuovo tributo per favorire investimenti nel territorio comunale, come la creazione di infrastrutture. Che c'è di male?

5. Donazioni. Ripristinata l’imposta: vale lo stesso regime delle successioni. Solo per patrimoni oltre 1 milione di euro

6. Spese mediche. Stretta sulle detrazioni per spese mediche: ai fini della deduzione la spesa sanitaria relativa all’acquisto di medicinali deve essere certificata da fattura o da scontrino fiscale contenente la specificazione della natura, qualità e quantità dei beni e l’indicazione del codice fiscale del destinatario. In passato per alcune spese bastava un normale scontrino fiscale che indicasse il bene acquistato, ad esempio lenti a contatto monouso. Adesso, con questa inutile complicazione in più, molti rinunceranno a detrarre le spese sostenute. Col sistema precedente si poteva di fatto dedurre qualsiasi cosa acquistata in farmacia, che non c'entrava niente con le medicine

7. Ricetta medica. Da gennaio, per le prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale, gli assistiti non esenti sono tenuti al pagamento di una quota fissa sulla ricetta di 10 euro. Una nuova tassa sulla salute.

8. Ticket. Per le prestazioni erogate dal pronto soccorso ospedaliero non seguite da ricovero codificate da codice bianco si paga un ticket di 23 euro, con codice verde 41 euro. Come fa il cittadino a sapere, prima di andare al pronto soccorso, se il suo è un problema urgente o no? [/u] Sono contento per te, evidentemente non sei mai andato al pronto soccorso e non hai mai visto quanta gente li affolla inutilmente, per paranoie, per non pagare tickets o prenotare visite. E' assolutamente sacrosanto[/u]

9. Esami clinici da pagare. I cittadini, anche esenti, che non ritirano i risultati di visite o esami diagnostici o di laboratorio sono tenuti al pagamento per intero della prestazione usufruita. Se non li ritirano significa che li hanno fatti solo per rompere la noia. Un mucchio di anziani lo fa

10. Intrattenimento. Si interviene sul regime tributario degli apparecchi da intrattenimento. Si stima, dal 2006 al 2008, un maggior gettito di 48 milioni. Punire chi gioca!

11. Tassa sui voli. Incremento dell’addizionale sui diritti di imbarco sugli aeromobili pari a 50 centesimi a passeggero finalizzato a ridurre il costo a carico dello Stato del servizio antincendio negli aeroporti. Biglietti aerei più cari.

12. Passaporti più cari. Innalzata a 75 euro la tariffa dovuta per il rilascio del visto per il soggiorno e per il transito sul territorio italiano a cittadini di Paesi non appartenenti all’area Schengen.

13. Stangata sul risparmio. Nuova aliquota sul rendimento dei titoli (Bot, azioni, fondi): il prelievo sale al 20%. Era scritto nel programma dell'Unione. Tassare meno il lavoro e di più le rendite. Cosa c'è di strano?

14. Dividendi più tassati. Chi acquisisce un contratto di "pronti contro termine" ha diritto al credito di imposta sui dividendi solo se il diritto sarebbe spettato al cedente.

15. Sigarette più care. Anche per il 2007 si potrà intervenire sull’aliquota di base della tassazione sui tabacchi lavorati con un decreto dell’Amministrazione autonoma monopoli di Stato. Incasso previsto: 100 milioni. Per i danni che fanno costano sempre troppo poco

Prime obiezioni e osservazioni, stasera ne seguiranno altre.

Titolo: Re: Un po' di nuove tasse e norme per il 2007.......
Sono state apportate delle modifiche che sostanzialmente renderanno le bollette di luce e gas meno care per le famiglie disagiate, con un disabile a carico o con anziani. La manovra destinerà loro un fondo di circa 150 milioni di euro, stornato dalle risorse precedentemente previste per gli incentivi agli enti locali che ospitano nuovi impianti energetici. Nel corso della riunione è stato deciso inoltre di destinare un fondo di 11 milioni sotto forma di detrazioni sui costi al 36% agli esercizi commerciali che investono in dotazioni energetiche più efficienti.

Ieri era stata la volta del via libera all’articolo 3 della Finanziaria, dopo che le modifiche finali alla curva dell’Irpef hanno rimodulato il sistema di detrazioni e assegni familiari, e apportato significativi benefici alle casse dei lavoratori dipendenti con reddito annuo inferiore ai 40mila euro, e dei lavoratori autonomi con che guadagnano annualmente fino a 32mila euro.

Ecco, in cifre, quale sarà la curva del prelievo fiscale legato al reddito (Irpef). Non ci sarà il prelievo al 45% per i contribuenti più ricchi. Le aliquote rimangono dunque cinque: al 23% fino a 15mila euro, del 27% tra 15mila e 28mila euro, al 38% tra 28mila e 55mila euro, del 41% tra 55mila e 75mila euro, del 43% oltre questa soglia.

La nuova Irpef prevede, come detto, un sistema di detrazioni e assegni familiari. Ritornano così gli sconti d’imposta per lavoratori dipendenti, pensionati e autonomi, Vengono aumentate le detrazioni per i figli, che partiranno da 800 euro, con un decalage proporzionale al crescere del reddito. In particolare, i benefici per i nuclei familiari con figli a carico arriveranno soprattutto con il sistema degli assegni familiari, che vengono notevolmente potenziati: per i redditi bassi, fino a 12.500 euro, valgono 1.650 euro per figlio. L'incremento è in media del 15% rispetto a quanto ora previsto. L'erogazione scatterà da gennaio 2007, con immediati benefici sul reddito disponibile.

La combinazione di nuove aliquote e nuovi sconti avrà un impatto positivo soprattutto sui redditi fino a 40.000 euro. La soglia sarà ancora più alta per chi ha figli: contribuente con coniuge e un figlio avrà benefici fino a 45.000 euro. In pratica il 95% dei contribuenti risparmierà o non avrà aggravi. Ovviamente da questa soglia la nuova curva Irpef aumenta il prelievo in modo progressivo. Per chi guadagna 150.000 euro avrà un aggravio superiore a 1.780 euro.

Con l’approvazione dell’articolo 3, inoltre, viene dato disco verde all’aumento del bollo per le auto più potenti, che superano i 100 kw.

I lavori alla Camera proseguiranno per tutto il weekend, sabato e domenica compresi. Intanto, tengono banco altre questioni legate alla Finanziaria. Una di queste riguarda il mondo dell’università e della ricerca. A tal proposito, anche alla luce delle proteste sollevate dai rettori degli atenei italiani nei giorni scorsi, Marina Sereni afferma che il problema è stato inserito nell’agenda della discussione parlamentare. «L'aumento dei fondi destinati a università e ricerca potrebbe arrivare con il passaggio della manovra al Senato, perchè il governo ha bisogno di più tempo per intervenire su quanto previsto dal decreto di luglio. Arriveranno novità, che porteranno verosimilmente ad un accordo alla stregua di quelli raggiunti su altri temi come gli artigiani, sicurezza, non autosufficienti».

Titolo: Re: Un po' di nuove tasse e norme per il 2007.......
........dimenticavo, l'articolo non l'ho scritto io ma me l'hanno inviato, preso da un sito di consumatori credo. Attualmente i punti maggiormente criticabili sono: 4, 7, 8, 11, 12, 13, 14, 23, 26, 30, 31, 32, 33, 38, 62. L'ultima, poi, la tassa sul soggiorno è antipatica e contro un settore sul quale l'Italia dovrebbe invece investire, se poi ci si aggiungono pure i tagli alla ricerca che la Montalcini ha aspramente criticato ed altre mosse, secondo me, poco azzeccate.......Prodi faticherà molto per farla approvare. Comunque aspettiamo, ancora ce ne sono di cose da dire e fare :wink:

Titolo: Re: Un po' di nuove tasse e norme per il 2007.......
Non voglio fare il difensore d'ufficio di Prodi e Padoa Schioppa.
Secondo me, questa manovra, fra le tante cose positive che contiene, ha un vizio di fondo: una subalternità culturale eccessiva ai dogmi del monetarismo ed alle pretese delle agenzie di rating. Si taglia una spesa corrente delle pubbliche amministrazioni che è già fra le più basse d'Europa in rapporto al reddito.

Purtroppo, quel tremendo macigno dei 70 miliardi di interessi sul debito pubblico pesa in modo intollerabile. Il Paese avrebbe bisogno di spendere, invece è costretto a risparmiare...

Sull'evasione e l'elusione fiscale, invece, non si può dire niente. Solo che quei 400.000 miliardi sono IL peso sotto il quale viene schiacciato il nostro paese, ogni mezzo, anche il più draconiano, per liberarsene è giustificato.

Sulla ricerca sono sicuro che si troverà la soluzione miglore. Per quel che ho capito la colpa è di qualche burocrate deficiente che ha scritto male la legge, o più probabilmente di una mancanza di coordinamento nella stesura del testo. Ma il voto della Levi Montalcini è trppo decisivo... :wink:

Titolo: Re: Un po' di nuove tasse e norme per il 2007.......
......infatti:

Fondo contro fuga dei cervelli. La Montalcini: se è così voto la Finanziaria Università, scatta il piano assunzioni Lo prevede un emendamento alla Finanziaria presentato dal Governo che stanzia, nel prossimo triennio, 177,5 milioni e che include anche gli Enti di Ricerca

ROMA - Sarà bandito un piano straordinario per l'assunzione di ricercatori sia nelle Università sia negli Enti di Ricerca. E saranno anche fissati criteri per le valutazioni che terranno conto dei titoli conseguiti e delle attività svolte. È quanto prevede un emendamento alla Legge Finanziaria presentato dal Governo che stanzia, nel prossimo triennio, complessivamente 177,5 milioni: 140 milioni per le assunzione nelle università e 37,5 milioni per quelle di ricercatori in enti di ricerca. L'emendamento cambia anche le norme relative al turn over nelle università: per il 2007 c'è un paletto al 90% e le ulteriori assunzioni (pari al 10%) che potranno essere autorizzate dal governo. In attesa della riforma dello stato giuridico dei ricercatori - è scritto nell' emendamento - il ministro dell'Università, sentite le rappresentanze degli atenei, avvia un reclutamento straordinario di ricercatori, con «criteri di valutazione dei titoli didattici e dell'attività di ricerca, garantendo celerità, trasparenza e allineamento agli standard internazionali». Anche per i ricercatori degli enti di ricerca pubblici ci sarà un bando di concorso straordinario che valuterà «i pregressi rapporti di lavoro, i titoli scientifici e l' attività di ricerca svolta». È inoltre prevista una deroga alle assunzioni a tempo: se il ricercatore ha già un contratto temporaneo, ma ha già vinto un concorso per l' assunzione dal 2008, potrà vedersi rinnovare nel 2007 il contratto a tempo.
LOTTA ALLA «FUGA DEI CERVELLI» - Il governo stanzia 20 milioni di euro nel 2007 e 30 nel 2008 per la «stabilizzazione di ricercatori, tecnologi e personale impiegato in attività di ricerca» e per l'assunzione di coloro che hanno già vinto un concorso. È un emendamento del governo a prevedere la costituzione di un apposito fondo contro la «fuga dei cervelli» ma anche dei precari che lavorano negli enti di ricerca.
MONTALCINI - «Molto bene, se è davvero così ritiro la minaccia di non votare la legge Finanziaria». È questo il primo commento del Nobel e senatrice a vita Rita Levi Montalcini alla notizia dell'emendamento del governo per il via libera ad un piano straordinario per l'assunzione di ricercatori, sia nelle Università sia negli Enti di Ricerca, e ad un fondo contro il fenomeno della «fuga dei cervelli».
PRECARI NEGLI ENTI LOCALI - In un altro emendamento presentato dall'esecutivo è prevista la norma per l'assunzione dei precari negli enti locali e in numerose altre amministrazioni pubbliche, compresi gli enti di ricerca. Un emendamento presentato dal governo, e considerato ammissibile dalla Presidenza della Camera, stabilisce che gli enti locali - ma anche le agenzie fiscali, i Vigili del Fuoco, i corpi di polizia e gli enti pubblici non economici - nel programmare le prossime assunzioni debbano riservare il 50% dei posti a precari. Cioè a lavoratori con i quali «hanno stipulato uno o più contratti di collaborazione coordinata e continuativa, per la durata complessiva di almeno un anno raggiunta alla data del 29 settembre 2006, attraverso i quali le medesime abbiano fronteggiato esigenze attinenti alle ordinarie attività di servizio».
12 novembre 2006


Pagina 1 di 1


  
Non puoi inserire nuovi Argomenti
Non puoi rispondere ai Messaggi
Non puoi modificare i tuoi Messaggi
Non puoi cancellare i tuoi Messaggi
Non puoi votare nei Sondaggi
Non puoi allegare files
Puoi scaricare gli allegati
Non puoi inserire eventi calendario

   

Questa visualizzazione "Lo-Fi" è semplificata. Per avere la versione completa di formattazioni ed immagini clicca su questo link.

Powered by Icy Phoenix based on phpBB
Design by DiDiDaDo

Tempo Generazione: 0.0772s (PHP: -21% SQL: 121%)
SQL queries: 15 - Debug On - GZIP Abilitato